menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Piacenza - Ora è ufficiale, a porte chiuse fino al 3 aprile. Sette partite senza pubblico per i biancorossi

I tifosi non potranno assistere alle partite contro Sambenedettese (10 marzo), Padova (15), Vicenza (18), Virtus Verona (22), Gubbio (25), Fano (29) e Pesaro del 1 aprile.

Mazda cx30 nuova-2Il Governo blocca le partite di calcio e più in generale gli eventi sportivi agli spettatori fino al prossimo 3 aprile. E’ il contenuto dell’ultimo decreto del consiglio dei ministri, quindi per i tifosi biancorossi niente Piacenza per un mese a cui aggiungere le tre settimane precedenti. Saranno in totale 7 le partite a porte chiuse per gli emiliani, l'ultima rimane la sconfitta con il Carpi del 16 febbraio scorso.

PIACENZA A PORTE CHIUSE
Quindi per i tifosi del Piacenza niente partita con la Samb il 10 e lo stesso sarà per le trasferta a Padova (domenica 15) e Vicenza (mercoledì 18). E poi ancora Piacenza-Virtus Verona di domenica 22, Gubbio-Piacenza di mercoledì 25 e Piacenza-Fano del 29, il blocco agli spettatori coinvolgerà anche Piacenza-Pesaro del 1 aprile dato che le misure saranno valide fino al 3 aprile.

IL DECRETO
Sono sospesi altresì gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, svolti in ogni luogo, sia pubblico sia privato; resta comunque consentito, nei comuni diversi da quelli di cui all’allegato 1 al decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 1° marzo 2020, e successive modificazioni, lo svolgimento dei predetti eventi e competizioni, nonché delle sedute di allenamento degli atleti agonisti, all’interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse, ovvero all’aperto senza la presenza di pubblico; in tutti tali casi, le associazioni e le società sportive, a mezzo del proprio personale medico, sono tenute ad effettuare i controlli idonei a contenere il rischio di diffusione del virus COVID-19 tra gli atleti, i tecnici, i dirigenti e tutti gli accompagnatori che vi partecipano. Lo sport di base e le attività motorie in genere, svolte all’aperto ovvero all’interno di palestre, piscine e centri sportivi di ogni tipo, sono ammessi esclusivamente a condizione che sia possibile consentire il rispetto della raccomandazione di cui all’allegato 1, lettera d). All’art 4, comma 1, si può leggere: “Le disposizioni del presente decreto producono il loro effetto dalla data di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana e sono efficaci, salve diverse previsioni contenute nelle singole misure, fino al 3 aprile 2020”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento