Questo sito contribuisce all'audience di

Piacenza - Monaco: «Meritavamo di più». Pagelle

DAL NOSTRO INVIATO A ROVIGO - Un punto ciascuno non fa male a nessuno. Questo vecchio adagio riassume bene gli umori dei protagonisti di entrambe le squadre al termine della gara. Dalla parte dei biancorossi, tuttavia, scorre una...

Francesco Monaco-6


DAL NOSTRO INVIATO A ROVIGO - Un punto ciascuno non fa male a nessuno. Questo vecchio adagio riassume bene gli umori dei protagonisti di entrambe le squadre al termine della gara. Dalla parte dei biancorossi, tuttavia, scorre una vena di rammarico. «Siamo contenti - ha detto capitan Volpe - ma con un pizzico di rammarico». Della stessa opinione sono il tecnico Monaco e l'attaccante Zanardo, mentre Tiozzo, tecnico di casa, è ben più convinto di quanto portato a casa: «Pareggio giusto, contro una squadra fortissima».

RAMMARICO - L'allenatore del Piacenza esce dagli spogliatoi non totalmente soddisfatto. Non certo della prova dei suoi, nel complesso convincente, ma più che altro per non essere riuscito a portare via tre punti che ad un certo punto sono sembrati alla portata. «Abbiamo fatto una buona gara - ha detto Francesco Monaco - e il pareggio su un campo così difficile è un risultato positivo, ma penso che meritassimo qualcosa in più. In almeno due o tre occasioni siamo mancati sul più bello, sbagliando proprio l'ultimo passaggio. Di certo non posso dire di non essere soddisfatto della prestazione dei ragazzi, ma sicuramente torniamo a Piacenza con un po' di rammarico questa sera». Forse, alla squadra è mancato il coraggio di osare qualcosa in più: «Questo non direi, i ragazzi ci hanno provato e io ho cercato di supportare il tentativo, ad un certo punto, inserendo gente fresca e di grande corsa. Ripeto, l'unico rammarico è non aver concretizzato le occasioni che ci sono capitate».

Il capitano biancorosso, Francesco Volpe, con umiltà da campione ha riconosciuto i meriti del suo marcatore: «Ho fatto i complimenti ad Azzolin per come ha giocato, credo sia un giocatore con davanti a sé un futuro roseo». Poi è andato sulla partita dicendo che «sapevamo che sarebbe stata dura contro il Porto Tolle. Veniamo via da qui contenti per la nostra prestazione ma a anche con qualche rammarico per non aver concretizzato alcune chance. La sconfitta dell'Este? In questo campionato se non si affrontano le gare con la giusta determinazione può capitare anche che la prima perda contro l'ultima, come oggi è capitato tra Este e Imolese». Sulla stessa lunghezza d'onda del capitano, in merito alla partita, anche Paolo Zanardo, oggi all'esordio dal 1': «Siamo contenti per la nostra prestazione, ma forse osando un po' di più avremmo potuto anche vincere. Come sto? Sono felice e contento della mia prestazione, anche se quello che avete visto oggi non è ancora il miglior Zanardo».

QUI DELTA PORTO TOLLE - «È stato un pareggio giusto tra due squadre che hanno grandi individualità e grande cuore - ha detto il mister Tiozzo - per il Porto Tolle posso dirlo perché lo vedo all'opera ogni giorno. Il Piacenza, invece, con la prova di oggi lo ha dimostrato. Entrambe le squadre hanno costruito i presupposti per segnare, ma senza riuscire a concretizzare. È stato un bel punto, perché giocavamo contro una squadra fortissima. Se mi sento in pericolo? Siamo terzi in classifica, per questo penso ci siano almeno 17 allenatori più in pericolo di me».
Dal nostro inviato a Rovigo
Marcello Astorri


LE PAGELLE DI MARCELLO ASTORRI

Di Graci 6,5 - chiamato in causa una sola volta, su Laurenti, e i suoi guantoni non tradiscono. Ardimentosa, ma efficace, l'uscita sulla trequarti difensiva di testa con la quale sventa un contropiede dei padroni di casa nel secondo tempo.

Battistotti 6 - dalla sua parte il Porto Tolle combina poco e già questo può valere una sufficienza piena; positivo anche il fatto che a lui, il più giovane in campo, non tremino le gambe in una gara così importante.

Zagnoni 5,5 - un po' più in sofferenza del collega Battistotti, rispetto al quale è meno ermetico sulla fascia di competenza. Impreciso nelle proiezioni offensive.

Tarantino 6,5 - insieme a Mauri troneggia a centrocampo, fornendo un apporto fisico e atletico di cruciale importanza. Monaco poi lo sostituisce per Redaelli, ma solo per inserire forze fresche e non per demeriti. Dal 22' st Redaelli 5,5 - è un periodo di scarsa vena per il centrocampista biancorosso. L'impegno, per carità, non manca assolutamente, ma deve ritrovare smalto in fase d'impostazione dove sbaglia qualche pallone di troppo.

Ruffini 7,5 - fa letteralmente barba e capelli a uno dei più temibili attaccanti in circolazione (Cozzolino), provvidenziale nelle chiusure in più di un'occasione. La difesa, del resto, non prende gol da due partite e un motivo ci sarà.

Mei 7 - stesse considerazioni fatte per Ruffini, con il quale divide i meriti per l'annullamento di Cozzolino. Solita assicurazione sull'area di rigore contro le palle alte.

Volpe 5,5 - Azzolin fa una grande partita e gli rende la vita difficile. Non riesce a fare la differenza come capita spesso e lascia il campo con qualche rammarico. Visto che anche gli altri protagonisti hanno steccato, si può dire "mal comune mezzo gaudio".

Mauri 7 - come al solito, niente da dire. È sempre nel vivo del gioco e ogni pallone passa per i suoi piedi. Il Piacenza deve accendere un cero e sperare che non gli venga nemmeno un raffreddore.

Marrazzo 6 - dei tanti "big" in campo è forse quello più positivo. Spreca un paio di buone opportunità, ma quando coglie il palo fa una gran cosa ed è solo sfortunato. Il bomber non segna, ma conferma buone sensazioni.

Zanardo 5,5 - a Rovigo lo temevano un po' tutti per i suoi trascorsi ad alti livelli nelle squadre del posto. La gara di oggi, però, non verrà certo ricordata come la sua migliore. Comincia a sciogliersi nei movimenti e la sua qualità s'intuisce, ma si è ancora distanti dal miglior Zanardo. Dal 22' st Saber 6 - entra e dà velocità e qualità a tutta la squadra. Positivo.

Minasola 6+ - vivace nel primo tempo, nel quale è pericoloso in un paio di occasioni. Abbastanza bene anche nella ripresa, nella quale rimane intraprendente pur calando alla distanza. Dal 40' st Delfanti s.v.

All. Monaco 6 - torna con qualche certezza in più. Rimane il rammarico per non aver osato un po' di più quando il Delta era sulle gambe.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Ministra De Micheli: «A scuola turni dalle 8 alle 20, sui banchi anche la domenica». Salta tutta l'organizzazione dello sport?

  • Como-Piacenza 0-0: buon punto per i biancorossi

  • Piacenza - Le pagelle: Libertazzi salva il pareggio. Belle prove per Ballerini, Heatley e Galazzi

  • Una bella Piacenza supera 3-1 Ravenna, ma si infortuna Grozer che lascia il PalaBanca con le stampelle

  • Piacenza - Lunedì sera posticipo a Como, biancorossi sempre in emergenza. Manzo: «Voglio una reazione»

  • Piacenza - Di Battista traccia il primo bilancio. «Ci serve solo poter lavorare con continuità e serenità»

Torna su
SportPiacenza è in caricamento