rotate-mobile
Piacenza Calcio

Piacenza - Matteassi: «Siamo consapevoli dei nostri mezzi. Con l'Entella ci giochiamo la Serie B»

Il direttore sportivo, che ha costruito una squadra capolavoro, lancia la volata finale: «Loro sono costruiti di fatto per disputare un campionato di B, noi arriviamo a questa gara col pieno di entusiasmo e una forma fisica impressionante»

Come si affrontano questi momenti in cui contano più nervi e mentalità piuttosto che la tattica?
«Non ci sono cose particolari da dire o fare perché l’entusiasmo è sempre il carburante migliore. Stiamo molto bene di testa e questo è importante, i ragazzi come ho detto prima sono splendidi e non c’è nemmeno bisogno di dirgli nulla. Sanno benissimo da soli cosa stanno facendo e cosa c’è sul tavolo».

L’Entella rimane però la favorita?
«Loro sono costruiti di fatto per disputare un campionato di Serie B, noi arriviamo a questa gara col pieno di entusiasmo, tanta consapevolezza nei nostri mezzi e inoltre andiamo davvero forte fisicamente».

A gennaio ha rivoluzionato un reparto, l’attacco, che in fin dei conti era stato per due mesi primo in classifica. Ha corso un bel rischio.
«Rivoluzionato sì ma per necessità. Fedato voleva andare, Pesenti e Romero erano in scadenza a giugno e avevano offerte. Ho fatto il mio lavoro: rinforzare il presente pensando anche al futuro. Fatemi però ringraziare i giocatori che sono andati via a gennaio sono stati molto importanti in questa lunga stagione».

Ferrari?
«A dir la verità l’avevo già cercato a giugno ma lui giustamente voleva provare l’esperienza in Serie B al Brescia. Poi è successo che non giocava così a fine dicembre sono bastate due telefonate e una stretta di mano per portarlo qua. E’ un grande, si è calato benissimo nella mentalità del gruppo e sta facendo la differenza».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piacenza - Matteassi: «Siamo consapevoli dei nostri mezzi. Con l'Entella ci giochiamo la Serie B»

SportPiacenza è in caricamento