Questo sito contribuisce all'audience di

Piacenza - Matteassi: «Siamo consapevoli dei nostri mezzi. Con l'Entella ci giochiamo la Serie B»

Il direttore sportivo, che ha costruito una squadra capolavoro, lancia la volata finale: «Loro sono costruiti di fatto per disputare un campionato di B, noi arriviamo a questa gara col pieno di entusiasmo e una forma fisica impressionante»

Il direttore sportivo Luca Matteassi

Sono numeri impressionanti quelli che lanciano il Piacenza sotto la fiamma rossa dell’ultimo chilometro. La vittoria in rimonta in casa della Lucchese segna l’ennesima tacca positiva nel percorso dei biancorossi: la più importante è che la squadra di Franzini affronterà lo scontro diretto di martedì sera al Garilli contro l’Entella (stadio Garilli tutto esaurito) a una sola lunghezza di distanza.
Ci sono però altre cose da evidenziare, a partire dalla striscia positiva di risultati. Il Piacenza da gennaio a oggi ha perso una sola volta (a Chiavari proprio con l’Entella) e più in generale ha vinto 9 delle ultime 11 gare. Un percorso che ha portato gli emiliani a essere lì per giocarsi la promozione diretta in Serie B.
Andando oltre, il risultato di giovedì fa segnare altri obiettivi raggiunti: la squadra di Franzini ha conquistato aritmeticamente il terzo posto che, in chiave playoff significa saltare la bellezza di due turni e partire già dagli ottavi di finale. Chiaro che oggi il dito punti giustamente alla Luna - e non potrebbe essere diversamente - ma oltre al terzo posto il Piacenza è praticamente sicuro anche del secondo: manca un solo punto per la matematica. Secondo posto che vuol dire ancora di più in chiave playoff: accesso diretto ai quarti di finale con andata e ritorno e due risultati su tre a disposizione (non valgono le regole delle coppe europee), in caso di doppio pareggio sarebbe la seconda classificata, cioè il Piacenza, a passare direttamente in semifinale e qui occorre ricordare che la semifinale mette in palio la promozione diretta in Serie B.
Tra gli autori di questo splendido percorso c’è senza ombra di dubbio il direttore sportivo Luca Matteassi che ha costruito questa squadra con acume, capacità di scelta e un budget importante ma comunque nettamente inferiore alle principali corazzate del girone. Si può tranquillamente dire che Matteassi ha firmato un capolavoro e infatti, nelle scorse settimane, è arrivato un rinnovo biennale nella carica di direttore sportivo.

L’obiettivo di chiudere nei primi tre posti è stato raggiunto ma non conta più nulla: ora il dito punta la Luna?
«Questo ragazzi ci stanno regalando delle soddisfazioni enormi, ognuno ora dice la propria ma la verità è che gli obiettivi sono chiaramente cambiati. Non ci accontentiamo più del secondo o terzo posto, possiamo sorpassare l’Entella e andare in vetta a due giornate dal termine: abbiamo davanti la Serie B e dobbiamo cercare di prenderla».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riparte il calcio giovanile professionistico: via al campionato Primavera, consentite le amichevoli fino all'Under 15

  • Piacenza-Pro Vercelli 1-1: Della Morte trova il pari nel finale su errore di Bruzzone

  • Nuovo Dpcm: lo sport è ancora bloccato. Piscine e palestre chiuse fino al 5 marzo, dilettanti e giovanili sempre fermi

  • Piacenza - Serve chiarezza sul calciomercato: chi lo fa? Arriva il giovane Paolo Cannistrà

  • Piacenza - Le pagelle: Libertazzi salva almeno il pareggio. Male Bruzzone, il centrocampo non gira

  • Niente da fare per la Gas Sales Bluenergy, Modena espugna il PalaBanca

Torna su
SportPiacenza è in caricamento