menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il ds Luca Matteassi con il giovane attaccante Sylla (foto Trongone)

Il ds Luca Matteassi con il giovane attaccante Sylla (foto Trongone)

Piacenza - Matteassi: «Olbia, Siena e Pro Vercelli sono gare importantissime, non dobbiamo distrarci»

Il direttore sportivo: «Sono orgoglioso di quello che stanno facendo "i miei ragazzi" non voglio che vengano generate confusione e malessere in tutto il gruppo tale da distrarci dai nostri obiettivi»

Il direttore sportivo del Piacenza, Luca Matteassi, interviene subito a spegnere i primi rumors di calciomercato che inevitabilmente caratterizzeranno le prossime settimane perché se da un lato è vero che mancano ancora tre giornate di campionato prima della pausa, è altrettanto vero che il 3 gennaio aprirà la sessione invernale di mercato. Matteassi interviene tramite una nota stampa mandata alla nostra redazione.

«Mi sentirete parlare sempre poco - scrive il ds - ma in alcuni momenti sento l’esigenza di intervenire per rafforzare dei concetti chiave in momenti che reputo importanti e delicati. Ci accingiamo al rush finale di questo 2018 che ci ha regalato forti emozioni e soprattutto il forte desiderio di vivere un 2019 importante nell’anno del centenario del nostro glorioso club biancorosso. Abbiamo un gruppo di lavoro dai valori importanti: giocatori e staff sono persone dalle quali si rimane colpiti ancor prima dalle loro qualità morali e caratteriali, oltre che da quelle sul campo.
Per fare ciò bisogna che tutto lavori di “squadra”: giocatori, staff tecnico, dirigenti, collaboratori, tifosi, media e non solo. Tutti preziosi nel loro lavoro.
Basta poco per inceppare il meccanismo, per incrinare equilibri: dobbiamo dimostrare una forza di volontà e maturità importante. Abbiamo tre gare che contano parecchio da qui a fine anno: Olbia, Siena e Pro Vercelli. Tre partite importantissime per cui servirà la massima concentrazione.
Perciò visto che sono orgoglioso di quello che stanno facendo "i miei ragazzi" non voglio che vengano generate confusione e malessere in tutto il gruppo tale da distrarci dai nostri obiettivi.
Quindi non devono aleggiare bocciature o giudizi superficiali su un gruppo che dal primo giorno di ritiro ci sta facendo vivere un sogno».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento