menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di gruppo per i fondatori del Placentia

Foto di gruppo per i fondatori del Placentia

«Amicizia e Piacenza Calcio», il Gruppo Placentia festeggia i 25 anni. FOTO

Festa venerdì sera a L'Altro Village per lo storico gruppo di tifosi della Gradinata nato nel 1992 in via Roma, alla Pasticceria Piccoli

Qualche capello bianco in più, un valore centrale con l’amicizia e una passione che ha fatto da collante per 25 anni: il Piacenza Calcio. Venerdì sera, nei locali de L’Altro Village, lo storico gruppo di gradinata, il Placentia, ha festeggiato i 25 anni e a dir la verità non sono tanti i gruppi di tifosi che possono dire di aver tagliato questo traguardo ma loro guardano sempre avanti.
I volti onestamente sono tutti conosciutissimi per chi, come noi, segue le vicende del club biancorosso quotidianamente e per non farsi mancare nulla - oltre ad alcuni esponenti del tifo piacentino - intorno alle 21 fa capolino anche il presidente onorario Stefano Gatti, ospite speciale della serata insieme alla sua compagna Paola.
«La nostra storia? Riassumerla così su due piedi non è facile - spiega ridendo uno dei fondatori, Davide Battistotti, che oggi è consigliere del Piacenza Calcio - ma possiamo dire che 25 anni fa c’era questo gruppo di ragazzi che si incontrava sempre alle partite del Piace al Galleana, in trasferta e durante la settimana ci si vedeva alla palestra Le Club. Da lì ci siamo detti: perché non fondiamo un gruppo? E così, nel 1992, fu fondato il Placentia alla Pasticceria Piccoli di via Roma, un gruppo attivo in Gradinata con il nostro striscione presente in casa e la “pezza” in trasferta». Alla serata sono presenti 24 persone, ma il Placentia negli anni d’oro della Serie A ha vissuto momenti importanti.

«Il massimo splendore come per molti è coinciso con gli anni ’90 cioè quelli della Serie A - ci dice Pietro Rebecchi, attore piacentino nella compagnia teatrale Famiglia Piasenteina e meglio noto come “il Pedar” - in quel periodo siamo arrivati ad avere anche 250 tesserati ed erano numeri davvero importanti. In alcune trasferte siamo partiti con 5 o 6 pullman».
Tutti compresi in una forbice che va dal ’65 al ’70 il gruppo nonostante ciò è ancora attivo. Per i 25 anni hanno fatto fare le polo celebrative ma soprattutto, inossidabili, sono ancora lì al loro posto sui grigi scaloni del Garilli.
«Non ci sono trucchi - conclude Battistotti - siamo ancora qui per due fattori, l’amicizia che ci lega e il Piacenza Calcio. L’amicizia dentro il Piace o il Piace dentro l’amicizia, fate voi».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento