rotate-mobile
Mercoledì, 17 Aprile 2024
Piacenza Calcio

Piacenza - Gerbaudo e Andreoli ok, anche Bachini è sulla via del pieno recupero

Il regista, infortunatosi a fine ottobre, da un paio di giorni si allena col gruppo. De Vitis: «Per lui ci vogliono almeno 20 giorni pieni di allenamento, sarà la nostra arma in più da marzo». Sul rinvio con l'Arconatese: «Possiamo giocare anche senza Bassanini, ma perché dobbiamo regalare un vantaggio a qualcuno»?

San Rocco Trasporti Banner

I due turni di stop dell’11 febbraio (generale per il Torneo di Viareggio) e del 18 (ufficialmente rinviata la sfida con l’Arconetese per la convocazione di Bassanini appunto alla Coppa Carnevale) permetteranno al Piacenza non solo di rifiatare, ma anche di rifinire quelle situazioni legate ad alcuni giocatori che sono mancati negli ultimi mese, in particolare Gerbaudo, Andreoli e soprattutto Bachini.
Uno stop che il Piacenza sfrutterà per presentarsi tirato a lucido e col motore a mille per il rush finale della Serie Dì, che si preannuncia di fuoco tra fine febbraio e marzo. Subito due conti: se la Rappresentativa di Serie D esce al girone di qualificazione dal Viareggio allora il Piacenza ripartirà mercoledì 21 febbraio proprio da Arconate (e qui D’Agostino dovrà scontare il turno di squalifica), mentre se la Rappresentativa staccherà il pass per gli ottavi di finale allora la sfida con l’Arconatese slitterà al 28 febbraio e la ripresa degli emiliani sarà il 25 del mese al Garilli contro il Club Milano (e quindi D’Agostino sconterà qui il turno di squalifica). Un calcolo ben preciso perché come ha detto De Vitis alla trasmissione Mezz’ora Biancorossa: «Potremmo benissimo giocare senza Bassanini già il 18, ma non vediamo il motivo per cui dobbiamo regalare qualcosa a qualcuno. C’è la possibilità di rinviare e l’abbiamo sfruttata».

Il Piacenza ha quindi davanti due settimane piene per allenarsi, la prima è quasi terminata e poi c’è la prossima. Andreoli e Gerbuado sono recuperati, molto bene il primo che domenica col Desenzano è partito dall’inizio giocando quasi un’ora, il secondo è andato solo in panchina, ma questo rimane comunque un buon segnale: anche qui siamo sulla via del pieno recupero. La terza situazione che la sosta aiuterà a risolvere è infine legata al centrocampista Giorgio Bachini, perno della regia fino al brutto infortunio di metà ottobre. Il giocatore si era procurato una lesione di terzo grado dell’adduttore (con parziale distacco di una parte dell’inguine) che l’ha costretto a operarsi e poi a tre mesi e mezzo di stop. Da un paio di giorni Bachini è tornato ad allenarsi regolarmente in gruppo e può tornare tra i convocati anche se, come ha detto De Vitis: «Ci vorranno almeno una ventina di giorni per un ritorno al cento per cento».
Una notizia comunque importante perché il Piacenza torna ad avere a disposizione senz’altro per marzo tre possibili titolari di centrocampo e questa sarà senza dubbio l’arma in più dei biancorossi negli ultimi due mesi di campionato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piacenza - Gerbaudo e Andreoli ok, anche Bachini è sulla via del pieno recupero

SportPiacenza è in caricamento