menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Piacenza - Franzini: «È stata una vittoria di carattere». Le pagelle

Si sblocca Romero: «Il gesto alla tribuna? Non volevo essere polemico, ma diamoci una mano tutti e facciamo i conti a fine partita». In campo crescono i centrocampisti, ma il gioco non è ancora al top

Si è sbloccato Romero e il Piacenza conquista i primi tre punti della stagione al cospetto dell’Arezzo: «Il gesto delle orecchie verso la tribuna dopo il gol? Per me è stata una liberazione perché le prime partite non erano andate benissimo», spiega l’attaccante in sala stampa, «meno male che è venuto il gol perché poteva essere un problema ripresentarsi domenica prossima al campo. In generale si sentono un po’ troppe parole, tutti quelli che si sentono in diritto di parlare devono pensare che uno non viene in campo per fare figuracce». Il riferimento, probabilmente, era agli urlacci del presidente onorario, Stefano Gatti: «non volevo essere polemico», stempera Romero, «magari diamoci una mano tutti e facciamo i conti a fine partita: oggi ho avuto ragione io». 

Pochi minuti prima era tornato sullo stesso episodio proprio Stefano Gatti: «sono solo sciocchezze», ha detto il dirigente, «ormai mi conoscete, sono un presidente focoso, ma i miei ragazzi guai a chi me li tocca. Quando giocano bene li esalto e quando serve mi faccio sentire. Romero oggi è stato bravo a mettere a segno la zampata decisiva». Gli fa eco il presidente, Marco Gatti, che dà il merito della vittoria al mister: «E’ stata la vittoria del gruppo e soprattutto del nostro mister: ha cambiato modulo, ha schierato il 4-3-2-1 e siamo andati abbastanza bene. Magari non siamo stati bellissimi, ma abbiamo creato più occasioni dimostrando di essere squadra, di crederci e di avere cattiveria». 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento