menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto Trongone

foto Trongone

Piacenza - Franzini: «Siamo stati perfetti in tutte le fasi». Le pagelle: Del Favero e Pergreffi monumentali

La squadra non perde da 9 partite, ma ora ha iniziato a trovare una fisionomia ben precisa: «L’equilibrio lo abbiamo già trovato da tempo, prendiamo pochissimi gol, segniamo abbastanza e a parte un paio di 0-0 per il resto stiamo facendo molto bene

Ora sotto con due partite fondamentali: mercoledì contro la Juve U23 in Coppa Italia e domenica contro l’Arzignano per accorciare sulle battistrada. «Noi dobbiamo vincere, ma purtroppo non dipende solo da noi. Davanti Carpi e Vicenza stanno viaggiando entrambi a medie incredibili. Per questi tre giorni dobbiamo pensare solo alla partita di Coppa che per noi è un obiettivo fondamentale. Dobbiamo vincerla, poi penseremo all’Arzignano. Se farò cambi? Sì, ne farò parecchi. Del resto, chi ha giocato in Coppa mi ha sempre dato risposte convincenti». Due successi che potrebbero stimolare la dirigenza a intervenire sul mercato: «Queste sono valutazione che spettano alla società. Devono decidere loro cosa fare, noi dobbiamo solo restare concentrati e concludere al meglio l’anno solare».

Le pagelle

Del Favero 7,5: il buon portiere para il parabile. Lui a Bolzano lo ha fatto, ma ci ha messo anche qualcosa in più: ha resistito al dolore alla spalla dopo uno scontro con il palo, senza peraltro abbassare il tenore della sua prestazione.

Pergreffi 7,5: non è solo un capitano, è anche l’anima più profonda di questo Piacenza. E non è solo il gol, peraltro il quinto stagionale, roba quanto meno da centrocampista prolifico, ma anche la grinta, la concentrazione, la voglia di tenere concentrati tutti i compagni.

Borri 7-: solo una piccola sbavatura, nel secondo tempo. Per il resto mai un intervento fuori posto, sempre in anticipo sull’avversario. Una prova consistente e convincente.

Milesi 7: è elegante anche su un campo di fango e di ghiaccio. Di testa non ne sbaglia una, in marcatura non lascia neanche le briciole agli attaccanti del Sudtirol.

Zappella 7: ruba palla e riparte, come un motorino inesauribile. È esuberante e propositivo, salta l’uomo e serve un pallone delizioso a Paponi che stavolta non sfrutta il suggerimento del compagno.

Della Latta 6,5: in mezzo fa sentire tutta la sua fisicità. Fa filtro, smista il pallone quando ce n’è la possibilità. Capisce che occorre più copertura e mette da parte la sua vocazione offensiva per dar manforte a Marotta.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento