menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Arnaldo Franzini-119

Arnaldo Franzini-119

Piacenza - Franzini: «Anno da dedicare ai nostri tifosi»

«E’ stato un anno super e spero che i tifosi lo ricordino per molto tempo: abbiamo stravinto una Serie D firmando il record di punti tornando in Lega Pro. Poi abbiamo scacciato qualche dubbio estivo arrivando a fare 29 punti prima di Natale e...

«E’ stato un anno super e spero che i tifosi lo ricordino per molto tempo: abbiamo stravinto una Serie D firmando il record di punti tornando in Lega Pro. Poi abbiamo scacciato qualche dubbio estivo arrivando a fare 29 punti prima di Natale e, soprattutto, regalato il derby ai nostri tifosi». I tifosi sono sempre un pensiero ricorrente quando Arnaldo Franzini parla a ruota libera - li ha citati a Livorno («è fantastico vederli al nostro fianco in un mercoledì lavorativo») e dopo la vittoria nella nebbia contro il Pontedera («spiace per il pubblico perché alla fine noi giochiamo per chi ha pagato il biglietto») - «lasciami dire che dedico a loro questo 2016 ricco di risultati e soddisfazioni».
Tra i più sorridenti all’Altro Village, oltre all’esterno Pino Agostinone che snocciola citazioni in dialetto foggiano o “capitan futuro” Jacopo Silva, c’è ovviamente il tecnico di Vernasca, indicato da tutti come il valore aggiunto di questo ultimo anno e mezzo.
«Onestamente non saprei dire se la soglia salvezza sia veramente 40 punti o un filo più in alto - prosegue il Franzo - perché oggi, a una giornata dal termine dell’andata, le squadre girano a 20 punti quindi 40 potrebbe essere un traguardo verosimile a maggio. Playoff? Pensiamo una cosa alla volta, ora dobbiamo chiudere bene l’anno e avvicinarci il più possibile ai 40 punti».
Piacenza che in trasferta ha sfoderato prestazioni da spellarsi le mani per gli applausi, mentre al Garilli è stato meno spettacolare ma ugualmente cinico. «Credo che la cosa fondamentale sia crescere sempre sotto il piano del gioco per sperare di affrontare certe formazioni. Spesso ci siamo riusciti e in molti casi abbiamo imposto il nostro gioco prendendoci delle vittorie storiche e bellissime come a Siena, Pistoia o Cremona. Forse in trasferta giochiamo meglio perché gli avversari tendono a chiudersi di meno. Quando vai a Livorno o Cremona trovi avversari meno attenti sotto questo profilo, per loro natura e obiettivi devono vincere e spesso lasciano degli spazi permettendoci di colpire».
Mercato? «Sicuramente faremo qualcosa - prosegue Franzini - ma a gennaio, senza fretta. Oggi dobbiamo pensare alle tre partite contro Prato, Lucchese e Lupa Roma, poi al mercato di gennaio. Siamo un club sano ma che deve pesare e soppesare ogni acquisto, non possiamo prendere tanto per farlo, tutto deve essere funzionale a uno scopo. Ci serve un esterno per una questione numerica dopo l’addio di Titone, per il resto vedremo strada facendo: a gennaio si apre un mondo nuovo».

Ora sotto con tre impegni davvero difficili, la Lucchese vive un periodo di forma importante mentre le trasferte in casa di Prato e Lupa Roma saranno difficile perché tra le mura di formazioni che lottano per la salvezza.
«E’ un momento in cui dobbiamo stringere i denti, la coperta corta e gli acciacchi che iniziano a farsi sentire ci stanno limitando ma siamo quasi al primo traguardo della stagione. La pausa di gennaio ci permetterà di ricaricare le pile e smaltire le scorie; alla luce di tutto questo dico che nelle prossime tre gare c’è da fare solamente dei punti, come domenica scorsa, senza badare all’aspetto estetico. Lo spettacolo l’abbiamo già fatto».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento