Questo sito contribuisce all'audience di

Piacenza - Sabato la festa per l'addio al calcio di Luca Matteassi, infinito campione. VIDEO

Prima della gara contro il Prato il capitano, che esordì in Serie A con i biancorossi nel 1997, saluterà il suo pubblico in quella che potrebbe essere la sua ultima partita al Garilli

La grinta di Matteassi nell'ultimo derby vinto contro la Cremonese

Il Piacenza Calcio, sabato pomeriggio prima della partita contro il Prato, ultima gara della stagione regolare di Lega Pro A, organizzerà una festa in campo per l’addio al calcio di Luca Matteassi, prossimo direttore sportivo del club biancorosso che appenderà le scarpette al chiodo - come annunciato da lui stesso la scorsa estate a sportpiacenza.it - al termine della stagione.
Non ci sono molte notizie sulle sorprese che il club riserverà al proprio capitano sabato pomeriggio (fischio d’inizio alle 16.30), si è deciso però di festeggiare in questa partita perché sulle altre non c’è certezza, nel senso che non è detto che il Piacenza giochi i playoff in casa quindi per non correre rischi si è optato per l’ultima al Garilli contro il Prato.
Nato in Toscana, a Grosseto nel 1979, Matteassi è forse l’ultimo vero simbolo del Piacenza Calcio e della sua storia. Arrivato a Piacenza giovanissimo, all’età di 15 anni, fu scoperto da Luporini che lo portò in biancorosso prelevandolo dalla Nuova Grosseto (società dilettantistica toscana) per fargli disputare un campionato negli Allievi Nazionali nel 95’, dopodiché giocò due stagioni in Primavera prima di esordire nei professionisti in Serie A l’11 maggio 1997 in un Piacenza-Atalanta (3-1). Quel giorno giocò una manciata di minuti entrando all’88’ al posto di Di Francesco, era il Piacenza di Bortolo Mutti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Luca Matteassi è dunque uno dei pochi giocatori italiani ad aver concluso la carriera da professionista dove l’aveva cominciata, 20 anni (maggio 1997 - maggio 2017) in cui è stato anche uno dei pochissimi a giocare in praticamente tutte le principali categorie del calcio italiano: Serie A, Serie B, Serie C1, Serie C2, Serie D ed Eccellenza. Sabato contro il Prato non sarà l’ultimissima partita, quello saranno i playoff a stabilirlo, ma potrebbe essere l’ultima al Garilli quindi è giusto festeggiare la carriera di questo grande e infinito campione: un motivo in più per esserci.

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dilettanti - Il nuovo Dpcm chiude Eccellenza, Promozione, Prima e Seconda Categoria da lunedì

  • Nuovo Dpcm, c'è l'incognita degli allenamenti nei Dilettanti. Nei professionisti tornano gli stadi chiusi

  • Calcio Dilettanti - Con il nuovo Dpcm allenamenti di squadra consentiti solo in forma individuale

  • Dilettanti - Tutti i risultati della domenica. Vigolo e Bobbiese: pari nel derby. Ziano e Gragnano in vetta

  • Calcio Dilettanti - La Lombardia chiude tutto e si ripartirà da gennaio. L'Emilia Romagna pensa alla stessa soluzione

  • Lecco-Piacenza 2-4: un super Corradi lancia i biancorossi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SportPiacenza è in caricamento