menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Edoardo Masciangelo in allenamento

Edoardo Masciangelo in allenamento

Piacenza - Edoardo Masciangelo: «Siamo un'ottima squadra e vogliamo dimostrarlo»

Il giovane difensore parla del momento delicato dei biancorossi. «Qui ho trovato ragazzi che hanno fatto categorie superiori e dico che la rosa allestita è notevole, questa piazza, per la sua storia, merita categorie superiori. E’ sprecata in serie C»

Di mestiere fa il terzino, il suo nome è Edoardo Masciangelo. Ha 21 anni compiuti a luglio e nella passata stagione, prima dell’approdo al Piacenza, ha giocato una stagione positiva all’Arezzo nel suo primo anno fra i professionisti. Il curriculum parla chiaro: prima le giovanili della Roma, poi la Fiorentina. E si sa che frequentare certi vivai non è cosa da poco, specie se l’ambizione è quella di diventare un buon calciatore. Ora l’esperienza in Pianura Padana, con la maglia biancorossa, deve essere quella del salto di qualità per il difensore romano. L’inizio dei lupi non è stato dei migliori, tuttavia Masciangelo sprizza entusiasmo e a sportpiacenza.it parla con voce squillante della sua nuova avventura: «La società ha lavorato molto bene, questa è un’ottima squadra e vogliamo dimostrarlo».

Masciangelo, dopo quest’inizio di campionato è ancora convinto di aver scelto Piacenza?
«Sono ancora più contento e fiero di vestire questa maglia. Nel calcio ci può stare di perdere due partite. Per me essere qui è un onore, appena è arrivata la chiamata non ho esitato: Piacenza è una piazza storica con tifosi pieni di entusiasmo».

Che cosa è successo contro Monza e Cuneo?
«Ci eravamo preparati per fare tre punti, ma non è facile affrontare due neopromosse. A Monza volevamo partire subito forte, ma ci siamo scontrati contro una realtà piena di entusiasmo. Contro il Cuneo ci è mancata la lucidità e la cattiveria giusta, pur giocando bene. Con un pizzico di fortuna avremmo potuto portare a casa il risultato».

Si parla molto di un centrocampo tecnico, ma troppo lento. Secondo lei è così?
«Quando analizzi partite perse sembra tutto sbagliato. Basta una gara positiva o negativa di un reparto a cambiare le valutazioni. Quello che posso dire è che stiamo lavorando per essere più compatti. Non c’è nessun reparto particolarmente sottotono, siamo solo una squadra nuova che ancora deve trovare l’amalgama. L’obiettivo è fare ancora le prestazioni della Coppa Italia».

Cosa vi ha detto il mister dopo le due sconfitte?
«Il mister è un lavoratore nato, ci ha spronati. Ci ha detto che bisogna essere cattivi e non mollare, che queste due sconfitte devono servire da stimolo. Ha poi aggiunto che dobbiamo lavorare anche sui particolari, perché sono quelli che fanno la differenza».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento