menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Piacenza - De Paola: «Giochiamo come sappiamo» - 1

Piacenza - De Paola: «Giochiamo come sappiamo» - 1

Piacenza - De Paola: «Giochiamo come sappiamo»

L'attesa è finita. Il Piacenza partirà oggi - con un giorno di anticipo - per Rovigo dove domenica affronterà il Delta Porto Tolle (ore 16) nella finale dei playoff del Girone D: in palio c'è l'accesso alla fase nazionale degli spareggi. Gli...

L'attesa è finita. Il Piacenza partirà oggi - con un giorno di anticipo - per Rovigo dove domenica affronterà il Delta Porto Tolle (ore 16) nella finale dei playoff del Girone D: in palio c'è l'accesso alla fase nazionale degli spareggi. Gli emiliani sono costretti a vincere entro i 90' o, al massimo, al termine dei supplementari perché se al 120' dovesse persistere il pareggio a passare il turno sarebbe il Delta in virtù del miglior piazzamento in classifica durante la regular season (leggi qui il programma dei playoff e il regolamento).
Il tecnico Luciano De Paola (squalificato) dopo la bella vittoria contro l'Este di mercoledì sera ha concesso alla squadra un giorno di recupero, gli allenamenti sono ripresi venerdì mentre sabato mattina è in programma la rifinitura. «Inutile forzare adesso - spiega De Paola alla vigilia - ci attende una sfida difficilissima contro la formazione più forte del momento. Il Delta ha tanta qualità e noi, anche contro l'Este, abbiamo dimostrato di essere una squadra che fa bene se mette la partita sul piano della forza e dell'intensità. Se stiamo corti e li aggrediamo fin da subito possiamo giocarci le nostre chance, senza l'assillo di dover segnare subito, serve anche la pazienza».
La partita si gioca quasi tutta sul piano motivazionale e qui De Paola non difetta. «Lisi mi ha consegnato in settimana il libro scritto da sua sorella, moglie di Bovolenta, il campione di pallavolo scomparso prematuramente, e mi sono ritrovato nelle sue parole. C'è un passaggio in cui scrive: "Si entra sempre in campo per vincere, senza pensare ad altro o avendo altri sentimenti". Ecco questo è quello che dobbiamo fare noi a Rovigo, pensare di vincere senza badare al resto».
Sul piano della formazione il tecnico ha qualche dubbio, soprattutto in difesa. Si va verso una formazione con Zagnoni e Cigognini esterni nella retroguardia, soluzione che permetterebbe un centrocampo di maggior quantità e soprattutto di utilizzare Tarantino in mediana per arginare i trequartisti di casa. In questo caso sarebbe sacrificato uno tra Saber e Corso.


Probabile formazione Piacenza (4-3-3) - Di Graci ('94); Zagnoni ('95), Colicchio, Di Maio, Cigognini ('98); Corso ('95), Tarantino, Mauri; Volpe, Bertazzoli, Lisi. Ballottaggio: Mauri 60%-Montanari 40%. Indisponibili: Ruffini, Girometta. In diffida: Di Graci, Saber, Colicchio, Di Maio, Montanari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento