Questo sito contribuisce all'audience di

Piacenza-Comune: incontro positivo per la gestione del Garilli. Scianò: «Presentato un progetto triennale»

Il sindaco Patrizia Barbieri, insieme agli assessori Passoni e Cavalli, ha ascoltato e compreso le esigenze del club biancorosso rappresentato da Marco Gatti, il dg Scianò e il consiglieri Chitti. Polidori in biancorosso fino a fine stagione poi tornerà al Siena

Possiamo archiviare come «positivo» il primo incontro tra lo stato maggiore del Piacenza Calcio e l’Amministrazione Comunale che si sono confrontati oggi in videoconferenza sulla tema del bando e gestione dello stadio Garilli. Come è noto il Piacenza non ha partecipato all’ultimo bando perché ritiene la cifra complessiva di 360mila euro fuori logica e fuori mercato, soprattutto in questo periodo - ma sarebbe stato così anche senza la pandemia del Covid19 - e allo stesso tempo il Comune ha comunque bisogno di un “inquilino” per lo stadio: partendo da questo presupposto le parti si sono confrontate oggi, rimandandosi a un secondo incontro che avverrà dopo l’analisi nel dettaglio dei diversi aspetti. A parlarsi sono stati il presidente Marco Gatti, affiancato dal direttore generale Marco Scianò e dal consigliere Mario Chitti, mentre dall’altra parte c’era il sindaco Patrizia Barbieri con gli assessori Passoni e Cavalli.

PROGETTUALITA’
«Fatemi fare una premessa - ci spiega Marco Scianò - e cioè che oggi abbiamo incontrato degli ottimi amministratori, li capisco, non è assolutamente facile governare e prendere delle decisioni per una città di queste dimensioni in un periodo come questo. Per il resto archivio questo incontro come positivo, le parti hanno espresso le proprie necessità. Abbiamo illustrato il progetto Piacenza che come sapete affronterà una rifondazioni nei prossimi mesi, vogliamo ripartire con un progetto nuovo che sia compatibile con il momento economico. Puntiamo a una squadra giovane, al settore giovanile, ai campi, tant’è che torneremo anche al Bertocchi, ma il tutto non può non passare da una rivisitazione del bando per la gestione del Garilli. Il nostro progetto triennale prevede per la prossima stagione una macchina che costerà comunque poco più di 2milioni di euro e non possiamo spenderne 500mila solamente per i campi, di cui 360mila per lo stadio».

L’obiettivo è quindi quello di trovare un punto d’incontro: il Piacenza dopo il taglio dei contratti più onerosi deve per forza passare da un bando nuovo, con costi ridotti rispetto a quello precedente, tuttavia i biancorossi non possono abbandonare quella che è la loro casa da oltre 50 anni. Allo stesso tempo il Comune deve far quadrare i conti ma non può avere un inquilino diverso dal Piacenza. La società ha quindi fatto capire al Comune le proprie esigenze che sono state recepite; che ci sia poi un bando nuovo, un affidamento diretto o un un affitto questo si scoprirà nei prossimi giorni. Il Comune, in ogni caso, cercherà di andare incontro al Piacenza con una proposta che potrà sbloccare la parti.

Intanto, per finire, nella giornata di ieri l’attaccante Polidori (in prestito dal Siena) ha rimodulato il proprio contratto col Piacenza e rimarrà in biancorosso fino al termine della stagione - in attesa del Consiglio Federale di mercoledì - dopodiché saluterà Piacenza per tornare a Siena che è la proprietaria del cartellino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dilettanti - Nessuna novità. Eccellenza, Promozione, Prima e Seconda Categoria ripartiranno a febbraio? Il problema è la Terza

  • Como-Piacenza 0-0: buon punto per i biancorossi

  • Piacenza - Le pagelle: Libertazzi salva il pareggio. Belle prove per Ballerini, Heatley e Galazzi

  • Una bella Piacenza supera 3-1 Ravenna, ma si infortuna Grozer che lascia il PalaBanca con le stampelle

  • Piacenza - Lunedì sera posticipo a Como, biancorossi sempre in emergenza. Manzo: «Voglio una reazione»

  • Caso Suarez: indagato Paratici: «Chiese aiuto alla Ministra De Micheli»

Torna su
SportPiacenza è in caricamento