Questo sito contribuisce all'audience di

Piacenza-Como: la tomba della Tessera del Tifoso

Il divieto di vendita dei biglietti ai residenti in Lombardia per la partita Piacenza-Como è una sconfitta per tutti quanti, soprattutto è una sconfitta senza possibilità di appello per la Tessera del Tifoso. Non è il primo caso di tifoserie...

I tifosi del Como (foto La Provincia di Como)
Il divieto di vendita dei biglietti ai residenti in Lombardia per la partita Piacenza-Como è una sconfitta per tutti quanti, soprattutto è una sconfitta senza possibilità di appello per la Tessera del Tifoso. Non è il primo caso di tifoserie ospiti bloccate, vero, ma questa volta non c’è un valido motivo (l’Osservatorio ha solamente indicato la partita come “rischiosa”) perché se è vero che tra le due tifoserie non corre buon sangue, è altrettanto corretto dire che le ruggini risalgono a inizio anni 90, stiamo parlando di oltre 20 anni fa, e in ogni caso da Como non sarebbero arrivati più di 150-200 tifosi, un numero ampiamente gestibile per le forze dell’ordine locali aiutate dallo stesso stadio Garilli: uno dei più fatiscenti d’Italia ma anche uno dei più sicuri da questo punto di vista.
Invece no, la decisione della Prefettura di Piacenza è stata drastica: divieto di trasferta ai lariani e rimborso del biglietto per i 150 tifosi che l’avevano già acquistato.
Vista esternamente questa decisione è un clamoroso autogol: il messaggio mandato a chi legge è che la Prefettura di Piacenza e di conseguenza la Questura (che però subisce la decisione a livello gerarchico) non sono in grado di gestire un numero esiguo di tifosi: quindi cosa succederà il 12 febbraio durante il derby con la Cremonese? A Cremona la trasferta era aperta ai piacentini, ora è lecito pensare che il viceversa possa non accadere.
C’è poi un’altra implicazione, ancora più importante: una decisione del genere, su una partita di così poco richiamo, evidenzia senza mezzi termini che i provvedimenti adottati dal Ministero per garantire la sicurezza negli stadi, cioè la Tessera del Tifoso, sono inadeguati e inutili. Le regole possono essere scavalcate quando si verificano eventi straordinari, ma un Piacenza-Como di lunedì sera, con una prospettiva di nemmeno 2mila spettatori e al massimo 200 ospiti non sembra, indipendentemente da come la si guardi, un evento “straordinario”.
Questa decisione è da considerarsi come la tomba della Tessera del Tifoso, a logica chi la ottiene è comunque considerato soggetto pericoloso - sennò perché vietare la trasferta? - e si rivela uno strumento inutile (ma che ha un prezzo, 10 euro) mentre per la Prefettura rimane un clamoroso autogol.
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dilettanti - Il nuovo Dpcm chiude Eccellenza, Promozione, Prima e Seconda Categoria da lunedì

  • Nuovo Dpcm, c'è l'incognita degli allenamenti nei Dilettanti. Nei professionisti tornano gli stadi chiusi

  • Calcio Dilettanti - Con il nuovo Dpcm allenamenti di squadra consentiti solo in forma individuale

  • Calcio Dilettanti - La Lombardia chiude tutto e si ripartirà da gennaio. L'Emilia Romagna pensa alla stessa soluzione

  • Dilettanti - Tutti i risultati della domenica. Vigolo e Bobbiese: pari nel derby. Ziano e Gragnano in vetta

  • Lecco-Piacenza 2-4: un super Corradi lancia i biancorossi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SportPiacenza è in caricamento