Questo sito contribuisce all'audience di

Piacenza - Cisini: «Faremo la nostra parte»

Società da una parte, ultras dall’altra. In mezzo una frattura che sembrava insanabile e pareva aver portato i fratelli Gatti a una decisione drastica, fino all’abbandono della plancia di comando del Piacenza calcio. Nelle ultime ore...

L'assessore Giorgio Cisini con Gianni Rubini, direttore sportivo del Piacenza calcio

Società da una parte, ultras dall’altra. In mezzo una frattura che sembrava insanabile e pareva aver portato i fratelli Gatti a una decisione drastica, fino all’abbandono della plancia di comando del Piacenza calcio. Nelle ultime ore pare che i massimi dirigenti biancorossi stiano ripensando alla propria posizione e ci sarebbero spiragli per far tornare almeno un po’ di sereno sulla squadra.
«C’è rammarico - spiega l’assessore allo sport Giorgio Cisini - perché alcuni episodi hanno turbato l’ambiente e questo non va bene. La squadra va sempre stimolata e incoraggiata, è evidente che chi ci mette tanto impegno a fronte di situazioni esterne alla squadra e anche di qualche risultato negativo possa avere un attimo di scoramento».

PASSIONE - Comprende quanto stanno passando i fratelli Gatti l’assessore Cisini. Poi fa un passo avanti: «La passione che c’è nei dirigenti del Piacenza sommata a quella sulle gradinate deve rappresentare la benzina da mettere nel motore per ripartire con uno slancio diverso. Mi auguro che al più presto la famiglia Gatti e tutti i dirigenti diano un ulteriore colpo di coda facendo nuovamente emergere la passione per i colori biancorossi».
Quindi arriva un invito ai tifosi più caldi. «Quando si fa squadra bisogna restare sempre insieme e tirare la fune dalla stessa parte, aiutando i ragazzi più giovani e sostenendo chi ha investito risorse in un progetto partito da una categoria molto bassa e con una situazione fallimentare alle spalle. E’ necessario incoraggiare tutti quanti a proseguire sul percorso intrapreso».

AIUTO - Ma l’amministrazione potrà eventualmente fare qualcosa, oltre a cercare un punto di incontro che soddisfi tutte le parti in causa?
«Siamo vicini al Piacenza calcio come a tutte le altre società sportive. Cerchiamo di aiutare chiunque abbia bisogno, compatibilmente con le risorse a disposizione. Il veicolo sportivo che include il nome della città deve essere da esempio e rappresentare la miglior promozione possibile all’esterno. Da parte nostra c’è la massima disponibilità a dare una mano con tutto l’impegno che possiamo mettere in campo».
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dilettanti - Il nuovo Dpcm chiude Eccellenza, Promozione, Prima e Seconda Categoria da lunedì

  • Nuovo Dpcm, c'è l'incognita degli allenamenti nei Dilettanti. Nei professionisti tornano gli stadi chiusi

  • Calcio Dilettanti - Con il nuovo Dpcm allenamenti di squadra consentiti solo in forma individuale

  • Dilettanti - Tutti i risultati della domenica. Vigolo e Bobbiese: pari nel derby. Ziano e Gragnano in vetta

  • Calcio Dilettanti - La Lombardia chiude tutto e si ripartirà da gennaio. L'Emilia Romagna pensa alla stessa soluzione

  • Lecco-Piacenza 2-4: un super Corradi lancia i biancorossi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SportPiacenza è in caricamento