menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Piacenza - Cazzamalli: «Un orgoglio essere qui» - 2

Piacenza - Cazzamalli: «Un orgoglio essere qui» - 2

Piacenza - Cazzamalli: «Un orgoglio essere qui»

Alessandro Cazzamalli è uno dei senatori di mister Franzini. Di mestiere fa il centrocampista. Appena due stagioni fa conquistava la serie D sotto la guida del tecnico di Vernasca, poi un’esperienza a Castiglione delle Stiviere dove, tanto per...

Alessandro Cazzamalli è uno dei senatori di mister Franzini. Di mestiere fa il centrocampista. Appena due stagioni fa conquistava la serie D sotto la guida del tecnico di Vernasca, poi un’esperienza a Castiglione delle Stiviere dove, tanto per cambiare, vince ancora una volta la serie D. Già nella scorsa estate il Piacenza gli aveva fatto la corte, ma poi la dirigenza biancorossa virò su altri obiettivi e non se ne fece nulla. Quest’anno, finalmente, il matrimonio si è celebrato all’ombra dello stadio Garilli: «Sono orgoglioso di essere qui - gioisce Cazzamalli - e da parte mia c’è tanta voglia di iniziare questa nuova avventura. Appena l’interessamento del Piacenza si è concretizzato ho accettato immediatamente, perché questa è una grande opportunità».

DUTTILE - Cazzamalli è un gigante: 189 cm per 81 kg. La sua carta d’identità dice 36 anni (1979), cremasco. L’anno scorso ha totalizzato 27 partite e 5 gol col Castiglione, due anni fa, al Pro Piacenza, 26 partite e 5 gol. Se non arrivasse un regista dal mercato, qualcuno lo immagina già nelle vesti di playmaker davanti alla difesa: «Non avrei nessun problema a farlo - afferma Cazzamalli - già due anni fa, Franzini mi chiese di fare questo ruolo anche se abbandonammo quasi subito l’idea. Del resto io sono un giocatore duttile, nel passato addirittura qualcuno mi chiese di fare la prima punta (sorride, ndc). Il mio ruolo preferito è la mezz’ala, ma so adattarmi tranquillamente: l’importante è giocare».

PRIME IMPRESSIONI - La squadra ha già messo i primi allenamenti nelle gambe. Finora mister Franzini ha usato tanta palla, in attesa di passare nella fase centrale della preparazione: «Con Franzini si gioca tanto. Lo faremo anche nei momenti più duri della preparazione, che inizieranno con i prossimi giorni. Che impressioni ho avuto della squadra? E’ ancora presto per esprimere giudizi. Noi giocatori esperti, bene o male, ci conoscevamo già tutti per aver giocato insieme o da avversari. Mentre tra i giovani, oltre a Boccanera che non ha bisogno di presentazioni, mi ha colpito Saber: è uno che gioca già da veterano nonostante la giovane età».

MERCATO - Dal mercato arriverà qualche altro tassello, per completare una rosa che sembra già promettere molto bene. «La società sta facendo le cose in grande - osserva il centrocampista - poi non sta a me decidere le strategie di mercato. Con i primi veri test, si potranno fare valutazioni sulla qualità della rosa. So che dopo l’addio di Longobardi la dirigenza sta monitorando il mercato per una punta, anche se c’è maggiore priorità per i giovani che sono di fondamentale importanza. Gli over, invece, si possono scegliere con più calma. Molti giocatori di qualità si libereranno nelle prossime settimane dalla Lega Pro per accasarsi in serie D, che diventerà sempre più simile alla vecchia C2».
Marcello Astorri

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento