menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Piacenza - Società già al lavoro per il futuro, in dodici hanno in mano l'accordo fino al 2018

I dirigenti di via Gorra stanno già lavorando in ottica estiva, la difesa è blindata in blocco con Abbate, Pergreffi, Silva, Di Cecco, Castellana e Masullo. Si dovrà lavorare molto sul centrocampo e per i portieri

L’immediato vede una salvezza quasi raggiunta con l’obiettivo di consolidarsi dentro la zona playoff, ma per il domani il Piacenza è già lavoro. Non è un mistero, infatti, che gli arrivi di Dossena e Tulissi siano stati fortemente sponsorizzati da Luca Matteassi, capitano dei biancorossi e futuro direttore sportivo a partire da giugno, tuttavia i dirigenti di via Gorra hanno iniziato nel corso dei mesi passati a gettare le basi per la squadra che verrà.

In estate sicuramente andrà fatto un restyling della rosa perché molti dei giovani presenti, oltre a essere utilizzati con il contagocce da Franzini, sono in prestito ma rimane una buona base su cui iniziare a costruire la stagione 2017/2018, quella del consolidamento nell’ottica societaria prima di provare, magari, il grande salto nella stagione del centenario. Qui però stiamo andando troppo avanti, meglio concentrasi sui progetti più immediati.
Venerdì sarà proposto al difensore Matteo Abbate il rinnovo del contratto fino al 2018 e qui c’è il primo segnale della proprietà di voler blindare la difesa, reparto che sta facendo così bene da indurre lo stesso Franzini (al quale il contratto si rinnova automaticamente in caso di salvezza) a passare alla retroguardia a tre. Silva e Pergreffi avevano già rinnovato fino al 2018, insieme a loro ci sono anche Di Cecco, Castellana e Masullo (biennale) a completare il reparto arretrato che può già contare dunque su sei elementi, mentre tra i pali occorrerà sedersi al tavolo con Pelizzoli e Miori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento