menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Piacenza Calcio in lutto, ci lascia lo storico segretario generale Gianni Rubini

Classe 1940, memoria storica del nostro calcio, ha scritto le pagine più belle della società di via Gorra dove tornò per tre volte nella sua carriera. Fatale un improvviso malore nella mattina di oggi

Riproponiamo qui sotto una stralcio della lunga intervista che Rubini rilasciò a sportpiacenza.it quando tornò al Piacenza Calcio per la terza volta nel novembre del 2013.

IL GRANDE RITORNO - E poi arriva il turno di Gianni Rubini, classe 1940, una carriera da mediano nel Pro Piacenza (nella squadra in cui il presidente Stefano Gatti faceva il difensore) e una vita e mezza passata sui campi ad osservare talenti e dietro alla scrivania a scrivere l'epopea del Piacenza. «Mi occuperò principalmente della gestione della prima squadra - spiega - cercando di capire le migliorie da portare in un gruppo che, sinceramente, reputo già competitivo e questo vuol dire che Merli e Viali hanno lavorato bene. Ha ragione Marco Gatti a dire che ho entusiasmo, sono caricato al massimo per questo nuovo impegno: voglio fare il possibile per la squadra, siamo a cinque punti dalla vetta e tutto il campionato è in gioco».

DEBITO D'ONORE - E' questo quello che c'è dietro al suo ritorno. «Questo stadio è intitolato all'ingegner Leonardo Garilli, e quando i Gatti mi hanno proposto di tornare mi sembrava un affronto, nei confronti di Leonardo Garilli, non accettare la proposta. La storia continua? Non lo so, penso di sì, i Gatti sono il presente e il futuro, io affondo le radici anche nel nostro passato. Posso dire che oggi mi viene data la possibilità di rifare qualcosa per il Piacenza e prometto che darò tutto me stesso».

La redazione di sportpiacenza porge le più sentite condoglianze a tutta la famiglia

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento