menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Arnaldo Franzini in conferenza stampa (foto Trongone)

Arnaldo Franzini in conferenza stampa (foto Trongone)

Piacenza - Cacia è un nervo scoperto. Franzini: «Ha riflettuto sulla decisione. Per noi settimana importante»

Le domande sulla rescissione dell'attaccante vengono stoppate, ne è concessa solamente una. Il tecnico: «Contro il SudTirol mi aspetto una gara simile a quella contro la Reggiana, cioè vibrante, intensa e con molte occasione». Si ritorna al 3-5-2, davanti Sestu-Paponi

FRANZINI
E proprio da Cacia partiamo anche se, per correttezza di cronaca, occorre dire che in sostanza ci viene concessa una sola domanda dai dirigenti presenti. Al tecnico chiediamo che cosa non abbia funzionato visto come è finita: «Perché il calcio è anche questo, su Cacia c’erano aspettative molto alte e penso che la sua decisione di rescindere il contratto sia il frutto di una profonda riflessione, valutata e ponderata». Vorremmo chiedere molto altro ma veniamo gentilmente stoppati dall'addetto stampa presente, non è il massimo, certo, ed è un segnale di come la vicenda sia un nervo scoperto.
«Per fortuna affrontiamo le prossime tre partite con la rosa al completo, certo magari un po’ ristretta ma non abbiamo particolari problemi e chi c’è mi dà ampie garanzie. Abbiamo davanti tre partite che richiedono uno sforzo notevole, vanno fatte bene per finire l’anno al meglio, compresa la Coppa Italia che potrebbe aprire scenari inediti in chiave classifica». Il primo appuntamento è domenica, ed è da bollino nero? «Il SudTirol ha molte analogie con la Reggiana, la differenza sta nel fatto che il SudTirolo sta costruendo da ormai tre anni e penso che nel giro di poco tempo riuscirà a centrare la promozione in B. Loro sono una squadra intensa, di carattere e grande qualità, mi aspetto una gara come quella di Reggio Emilia cioè vibrante, aperta, intensa e ricca di occasioni». Franzini che non è convinto dal 4-4-2 e tornerà alla difesa a tre? «Non è questione di essere convinto, come avevo detto la scorsa settimana non possiamo farci abbagliare da un tempo fatto bene e pensare che la soluzione dei problemi risieda semplicemente nel modulo, sarebbe troppo facile. Non boccio il 4-4-2 anzi, lo utilizzeremo ancora perché può essere un cambio utile con risvolti positivi nel corso di una partita».

DAL CAMPO
La sensazione è che Franzini non farà esperimenti per un gara così delicata, quindi si va verso la riconferma del 3-5-2 con Sestu in appoggio a Paponi in attacco. A questo punto Zappella e Imperiale sono i due esterni, confermati Marotta e Corradi in mediana e Pergreffi-Milesi in difesa. La partita si gioca tutta su Della Latta: se Franzini deciderà di aver maggior muscoli nella zona nevralgica del gioco lo metterà a centrocampo inserendo Borri in difesa. L’alternativa è Della Latta nel pacchetto arretrato con Pergreffi e Milesi, e quindi Nicco come interno nel mezzo.

Probabile formazione Piacenza (3-5-1-1) - Del Favero; Borri, Milesi, Pergreffi; Zappella, Della Latta, Marotta, Corradi, Imperiale; Sestu, Paponi. Indisponibili: nessuno. Squalificati: nessuno. Ballottaggio: Nicco-Borri 50%-50%.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento