Questo sito contribuisce all'audience di

Piacenza - Andrea Dossena: «Ora non dobbiamo peccare di presunzione»

L'ex Napoli e Liverpool ha esordito, giocando una manciata di minuti, ad Olbia: «Stavamo soffrendo dopo il loro gol, così il mister mi ha chiamato in causa per provare ad arginare la loro aggressività. La Pistoiese? Non dobbiamo peccare di presunzione dopo le belle prove contro Cremonese e in Sardegna»

Andrea Dossena mentre si allena col Piacenza

Non si è mai sopito il fanciullino in Andrea Dossena, lo si capisce da queste semplici parole: «Cosa mi ha spinto ad accettare l’avventura in Lega Pro? L’amore per il calcio». Fa un certo effetto sentirlo da un calciatore di 36 anni, che in carriera ha visto tanta serie A, la Champions League, ha diviso lo stesso spogliatoio con Steven Gerrard al Liverpool. Ora decide di rimettersi in gioco al Piacenza, in Lega Pro, poco distante da Casalpusterlengo dove vive con la sua famiglia. «Dire che mi trovo bene è quasi superfluo - racconta il jolly di fascia - ho trovato un ottimo mister e un gruppo affiatato. Per di più, è la prima volta nella mia carriera che gioco a casa mia, praticamente. E’ bellissimo fare il lavoro che amo a due passi da casa». Una decina di giorni fa la firma sul contratto che lo legherà ai biancorossi fino a giugno, poi si vedrà. Intanto è arrivato l’esordio nel secondo tempo della partita vinta contro l’Olbia, dove mister Arnaldo Franzini lo ha gettato nella mischia nel momento di massima sofferenza.

Partiamo proprio da qui, com’è andato l’esordio?

«Siamo stati bravi a incanalarla subito sui binari giusti. Stavamo soffrendo dopo il loro gol, così il mister mi ha chiamato in causa per provare ad arginare la loro aggressività. E’ stato un esordio positivo, la squadra ha giocato una buona gara come del resto lo aveva fatto con la Cremonese».

Domenica sfida alla Pistoiese. Potrebbe essere una specie di match ball per la salvezza, in attesa di poter alzare le mire più in alto.

«Non dobbiamo peccare di presunzione. Però, da quello che vedo in allenamento, stiamo attraversando un buon momento di forma per cui non voglio nascondermi. Domenica scenderemo in campo per i 3 punti, un pareggio sarebbe un mezzo passo falso. Al di là del fatto che questo è un campionato strano, nel quale può succedere di tutto. Basti vedere come l’Arezzo ha perso contro il Pro Piacenza».

Ha accennato agli allenamenti, c’è qualche compagno che l’ha impressionata particolarmente?

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Sì, ce ne sono un paio che non c’entrano niente con la categoria. Però i nomi non li dico, preferisco continuare a spronarli in allenamento».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dilettanti - Il Dpcm chiude Seconda e Terza Categoria. Si gioca in D, Eccellenza, Promozione e Prima

  • Dilettanti - Tutti i risultati della domenica. Bobbiese e valanga. Bene Vigolo e Alsenese. Spes e Ziano super

  • Dilettanti - Fontana chiude tutti i campionati della Lombardia. Il San Rocco però gioca, rimane in piedi la Serie D

  • Dilettanti - Il Dpcm chiude Terza e (forse) Seconda Categoria, le uniche che non hanno avuto problemi

  • Pistoiese-Piacenza 2-1: nuova beffa nel recupero a firma di Chinellato

  • Piacenza - Se ne va la "voce" che ci scaldava il cuore allo stadio, ci lascia il mitico Pio Bosini

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SportPiacenza è in caricamento