Questo sito contribuisce all'audience di

Piacenza - A Lucca per continuare a sognare. Franzini: «Contano solo atteggiamento e mentalità»

I biancorossi sono costretti a vincere giovedì sera (ore 20.30) per tenere l'Entella nel mirino e giocarsi la corsa verso la B nello scontro diretto. Confermato il 3-5-2, l'unico dubbio è in regia: Marotta o Porcari?

Arnaldo Franzini

Ora la strada è dritta, drittissima, bisogna solo correre più veloce degli altri. Il Piacenza esce dal curvone attaccato all’Entella (-1 e c’è lo scontro diretto da giocare), nello sprint finale i biancorossi hanno un solo obiettivo: portare a casa 12 punti nelle ultime 4 gare per essere aritmeticamente in Serie B. Difficile, chiaro, tuttavia avremmo firmato lo scorso agosto per ritrovarci in questa situazione avendo fatto fuori corazzate del calibro di Novara, Pro Vercelli, Carrarese e Siena. Solamente il Pisa guarda con interessa il finale di stagione pronto ad approfittare di un passo falso di piacentini e liguri. Entella 66, Piacenza 65, Pisa 62, il resto è tutto fuori dai giochi per la promozione diretta.

La volata del Piacenza passa dal turno di giovedì sera in casa della Lucchese (ore 20.30): i toscani sono ultimi solamente per effetto delle maxi penalizzazioni (-18) altrimenti sarebbero squadra da playoff, questo per evidenziare che non sarà una passeggiata. Inoltre la Lucchese viaggia verso il terzo fallimento in pochi anni, ha la cosiddetta “carogna” e darà battaglia in ogni metro quadrato del prato. Dal campo: Silva sarà in panchina ma non è utilizzabile (lieve stiramento), Troiani ha finito la stagione (legamenti) per il resto la truppa è al completo, l’emergenza influenza è rientrata. Franzini non giocherà con la formazione: il 3-5-2 dà troppe garanzie.

«Stiamo bene fisicamente - spiega il tecnico alla vigilia della gara - ma in questi momenti della stagione, ciò che conta davvero, è l’atteggiamento mentale della squadra. Quando mancano così poche gare s’inventa e si migliora non più di tanto, mentalità e atteggiamento del gruppo sono i due ingredienti che fanno la differenza. Dodici punti? E’ vero, siamo nella condizione di essere padroni del nostro destino, tuttavia non ci pensiamo. Non dobbiamo cadere nel tranello di pensare alla sfida con l’Entella di martedì prossimo. Tutto l’entusiasmo che ci circonda è positivo e giusto ma la squadra è chiamata a pensare solo ed esclusivamente alla gara con la Lucchese, un passo alla volta».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dilettanti - Eccellenza, Promozione e Prima: stop alle Coppe. Seconda e Terza: la stagione sarà completa

  • Giana Erminio-Piacenza: 2-0, terza sconfitta consecutiva per i biancorossi

  • Un Piacenza decimato dal Covid ha ripreso gli allenamenti, difficile che venga rinviata la gara con la Giana Erminio

  • Il Bertocchi diventa un campo all'inglese: erba artificiale, tribuna ampliata e coperta

  • Il Piacenza fa la conta per la sfida di mercoledì contro la Giana Erminio. Sono 14 gli indisponibili

  • Piacenza - Per Simonetti, Pedone, Galazzi e Ghisleni è una partita da dimenticare. Le pagelle

Torna su
SportPiacenza è in caricamento