Questo sito contribuisce all'audience di

Otto anni, due promozioni, la B sfiorata nel Centenario. La famiglia Gatti ha lasciato un segno importante sul Piacenza

Marco e Stefano hanno ceduto tutte le loro quote (il 70%) a Roberto Pighi che ora diventa il proprietario unico del club. Tutto nacque al campo Calamari, a Siena si poteva cambiare la storia. I derby vinti rimagono la fotografia più bella. Fotostory

Passato e futuro del Piacenza: Marco Gatti (a destra) con Roberto Pighi

Otto anni esatti. Tanto è durata l’avventura della famiglia Gatti, Stefano e Marco in particolare (il fratello Francesco è sempre stato presente sulle Tribune dello stadio ma in disparte nella gestione societaria) che hanno raccolto l’eredità biancorossa nella tribolata estate del 2012 quando, proprio a giugno, le tre aste fallimentare andarono deserte decretando la fine del Piacenza Calcio. Una manciata di giorni dopo furono proprio i due proprietari della Holding Steel Acciai a raccoglierne la pesante eredità presentando un progetto di rinascita che aveva due peculiarità importanti: serietà e concretezza.
Da lì sono partiti anni interessanti e tutto si può dire fuorché i Gatti non abbiano mantenuto quando promesso anzi, a dir la verità sono andati oltre sfiorando nella passata stagione la promozione in Serie B accarezzata e sfuggita sul più bello per ben due volte. Marco presidente, Stefano presidente onorario e occhio attento e vigile sulla gestione societaria, qui infatti si è giocata una partita importante. Con loro non c’è mai stato mezzo euro fuori posto e l’ultimo gesto, prima di passare dal notaio Bianco in via Calciati, è stato proprio quello di saldare quanto stanziato nella stagione 2019/2020 cedendo tutte le quote (circa il 70%) al vicepresidente Roberto Pighi che ora ne raccoglie in toto il testimone.

Gatti 1-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Subito la promozione in Eccellenza, poi due stagioni a vuoto, fino al lungo matrimonio con il tecnico Arnaldo Franzini (solo Cagni ha fatto più panchine di lui) che portò alla vittoria della Serie D con il record “all time” di punti e quindi alla promozione in Serie C. Il loro progetto non si adagiò - sebbene fosse nelle intenzioni - perché una volta arrivati nei professionisti la società si strutturò ulteriormente per due anni consecutivi (playoff raggiunti contro Parma e Sambenedettese) comprendendo la promozione di Luca Matteassi nel ruolo di direttore sportivo. Due stagioni a crescere e poi il grande tentativo, lottare per la promozione nell’anno del Centenario. Ci sono riusciti, solo la sfortuna - e la politica del calcio - hanno negato al loro Piacenza l’approdo in Serie B, promozione che avrebbe cambiato tutta la storia e se fosse avvenuta, forse, non staremmo scrivendo questo articolo. Marco Gatti per longevità è il terzo presidente di tutti i tempi, 8 anni (2012-2020) come Loschi (1972-1980), dietro a Fabrizio Garilli (2000-2011) e Leonardo Garilli (1983-1997).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il sequestro del padre, la vita da imprenditore e il progetto Piacenza. Roberto Pighi si racconta: «La pandemia mi ha cambiato»

  • Serie C Playoff 2020 - Risultati primo turno, qualificate e gli accoppiamenti della seconda fase

  • Serie C - Vigilia di playoff: il tabellone completo con tutte le partite

  • Calciomercato Dilettanti - Riconferme per Agazzanese e Castellana. La Bobbiese fa spesa: ok per bomber Franchi

  • Piacenza - C'è l'accordo su tutto, inizia l'avventura di Vincenzo Manzo sulla panchina dei biancorossi

  • Piacenza - Ecco Vincenzo Manzo: «Lavoriamo con fame e determinazione, i risultati arriveranno»

Torna su
SportPiacenza è in caricamento