rotate-mobile
Piacenza Calcio

Nella nebbia spunta l’autogol di Gonzi. Piacenza-Seregno termina 1-1

Beffa al 94’ per i biancorossi che conducono tutta la partita grazie alla rete di Dubickas, ma nel finale subiscono il pareggio dei lombardi. In avvio di partita traversa di Cocco.

Una beffa al 94’ nella coltre di nebbia. Il Piacenza viene raggiunto dal Seregno in pieno recupero, per la precisione da un’autorete di Gonzi. Dopo che si era portato in vantaggio con Dubickas più o meno al termine della parte di gara visibile dalle tribune. Già perché almeno l’ultimo quarto d’ora hanno fatto fatica a vederlo perfino i fotografi, i giocatori e gli allenatori dalla panchina. «Gli ultimi dieci minuti ho fatto fatica a vederla pure io», ha commentato il mister del Piacenza, Cristiano Scazzola, al termine della gara. «Il gol è arrivato sugli sviluppi di una palla inattiva, poi c’è stata una mischia e mi pare sia stato un autogol». La rete del Seregno è stato possibile ricostruirla solo pezzo dopo pezzo, mettendo insieme varie voci: all’inizio si parlava di un gol di Cocco, poi di un’autorete di Marchi, alla fine grazie a una fotografia da bordo campo e alle parole di Scazzola si capisce la dinamica del gol: è autorete di Gonzi.

Al fischio d'inizio il Piacenza perde anche Raicevic, tenuto a riposo precauzionale dopo un lieve risentimento muscolare (probabile assente anche a Trento, nella partita di martedì alle 18). In avanti spazio alla coppia Dubickas-Lamesta. Di fronte c’è un Seregno ostico e con un punto in più in classifica, nonostante il terremoto societario culminato con l’addio del direttore generale Ninni Corda. Il clima sul Garilli è gelido, con una nebbia che, almeno all’inizio, si alza quel tanto che basta da non condizionare la partita.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nella nebbia spunta l’autogol di Gonzi. Piacenza-Seregno termina 1-1

SportPiacenza è in caricamento