menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Arnaldo Franzini, seconda stagione sulla panchina del Piacenza

Arnaldo Franzini, seconda stagione sulla panchina del Piacenza

Piacenza - Franzini: «Como fortissimo, ma noi non siamo inferiori. Mi aspetto il pubblico del derby»

Tegola in casa Piacenza, stagione finita per l'esterno Di Cecco (lesione muscolare). Il tecnico dei biancorossi non scopre le carte: «Non siamo capaci di giocare per tenere un pareggio, sarà una bella partita con molta carica positiva»

«Contro il Como e Fabio Gallo non ho nulla, anzi, gli stringerò la mano sicuramente. Le polemiche in campionato sono già alle spalle, la sfida di domenica invece sarà bellissima per il pubblico e per la qualità delle due squadre in campo». Sereno e sorridente come sempre, Arnaldo Franzini stempera i toni e preferisce mettere l’accento sulla partita che sarà al Garilli (ore 18). Prima però la brutta notizia: dopo Razzitti anche per Di Cecco è stagione finita, l’esterno destro ha accusato una lesione muscolare all’otturatore. Una vera tegola in casa Piacenza, la sua assenza rischia di mandare in pensione il 3-5-2 con cui Franzini, in stagione, ha ottenuto i successi migliori.

«Per il resto stiamo tutti bene - prosegue il tecnico - compreso Saber che si è allenato regolarmente tutta la settimana. Questa è la partita che sognavamo fin dall’estate, il playoff, una gara senza domani da dentro o fuori: sono le sfide più belle da giocare. Il Como? Nessuna rivalsa particolare, sono sicuro che in campo ci sarà tensione perché la posta in palio è importante, ma sarà una tensione positiva. Quanto accaduto nella partita di ritorno è già alle spalle, ripeto, a noi serve il nervosismo giusto cosa peraltro che la mia squadra, nell’arco della stagione, spesso ha saputo trovare come in occasione dei due derby vinti».
Poi Franzini passa ad analizzare gli avversari. «Loro hanno giocatori che sono scesi dalla Serie B mentre noi ne abbiamo molti che arrivano dalla Serie D. Il Como è stato costruito per stare nei piani alti, ha un fuoriclasse assoluto per la categoria come Di Quinzio e aggiungo che nessuno parte battuto, anche se ha un solo risultato a disposizione. Detto questo - prosegue - non ritengo la mia squadra inferiore a nessuno, se non alle prime due del campionato di cui una, la Cremonese, l'abbiamo battuta due volte. Il pareggio? Non siamo una squadra capace di giocare per tenere il pareggio, in tutta la stagione forse l’abbiamo fatto solo a Pontedera e negli ultimi 10 minuti».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento