Questo sito contribuisce all'audience di

La rubrica del Pedar: "T'la scriv in Piasintein"

Quarta puntata della nostra rubrica “T’la scriv in Piasintein” curata da Pietro “Pedar” Rebecchi, noto attore piacentino nella compagnia teatrale della Famiglia Piasenteina nonché tifoso da decenni del Piacenza Calcio. Per tutto l’arco della...

L'esultanza dei Piacenza domenica dopo il derby davanti ai sostenitori biancorossi
Quarta puntata della nostra rubrica “T’la scriv in Piasintein” curata da Pietro “Pedar” Rebecchi, noto attore piacentino nella compagnia teatrale della Famiglia Piasenteina nonché tifoso da decenni del Piacenza Calcio. Per tutto l’arco della stagione regaleremo ai nostri lettori ogni due settimane questa rubrica dove il Pedar racconterà pensieri, fatti e aneddoti legati al mondo del Piacenza Calcio: ovviamente il tutto in rigoroso dialetto piacentino. Questa volta però il Pedar ha fatto uno strappo alla regola, d’altronde la vittoria nel derby contro la Cremonese meritava un'uscita anticipata della rubrica che non ci sarà dunque la prossima settimana. Ecco la quarta uscita:

Duminca finì LA partida gh'è stä una prucession ad gint, tütt a dì ch'in vadivan l'ura da les la mè rubrica in piasintein. A l sò, cla smana che l'era mia prevista. Am la sum mia sintì da tiräm indrè, par dü mutiv,  prima roba sa gh'è dla gint c'agh sà cär s'micciä ill luccäd ca scriv völ dì ca ien mia tant a post, tant cme mè.
E pò sa pöss tirä alla longa 'l gudimeint an pöss mia fä feinta ad gninta, alla fein ad la fèra, cla gint là mia tant a post, l'è la mè gint e insëma a lur g'ho passä una vita e insëma a lur ho cantä, patì, esültä e bota dill vot anca cridä
Sincerameint s' èra un pò preoccupä parchè pinsäva che andä a Carmona e veins al tèrs (!) dèrby a drè sariss stä düra cme 'l ferr. La legge dei grandi numeri. Gh'era però anca una vuseina cla siguitäva cun la solita tiritera : "Se esiste una giustizia si vince, nessuna tifoseria al mondo meriterebbe questa soddisfazione più di voi"
Sum rivä allo Zini bunura, ho dat un ucciä "alla mè gint" e m'è vegn in meint cla vuseina là, ho cuminciä a pinsä c'la pudiva  avigh ragion....
Pronti via e s' è capì sübit che 'l Piace al gh'era, can dalla bissa s'al gh'era ! Al noss tifu l'è stä interrut sultant dal gol dal marsiglies
Pö che interrut l'è dvintä una bolgia, gint c'as brassäva sö, ätar chi piccävan in sal vedar e 'l marsiglies c'al curriva sutta la cürva cme una balla da s'ciopp. Un gudimeint ! L'infärt inveci l'ho risciä quand ho vist sventulä 'l cartlein russ in sal näs ad Miori. Qullè l'è stä 'l mumeint peggiur parchè agh caläva un'ura ad partida e am vadiva sà traversä il Po cun tri pappein in dal sach. Quand me fiöla la m'ha ditt ca 'l segnalinee l'ha vist un fuorigioco (si parchè mè in cl'attim le guardäva in äria.....) sum astä l'om pössè cunteint dal mond e ho mia pudì fä a menu da pinsä ca l'era un segnäl. L'intervall in chi cäs che l'è quäsi una tortüra parchè at völ savì cma la va a finì, t'è stüff da siguitä a ripet "sperum che" o "g'ariss da sücced atsè". G'äva quäsi pagüra da illüdam tropp ma d'altronde un Piace atsè al lassäva sperä, una squädra d'alcäs i barbis e anca i scintillion. In chi mumeint le at dis un urasion al Diu dal fulbal, ätar che sa t'la dis. Chi disa 'l cunträri al g'ha pössè ball che i caväi dla piassa.
I pigiamä gh'è da dì chi g'han ad la mira è.
Parchè ciappä dü legn' in treinta second at ga riess gnian s'at vè a sügä in un bosch.
Am dispiäs par viätar....mia però.
Un'ätar segnäl, al Diu dal fulbal l'ha girä la tèsta da cla pärt che, o l'ha ascultä ill noss urasion. Appèna dopa, gol dal dü a zeru e intant ch'esültäva muntäva la sicürëssa cl'arisma sfangä anca ist'ann. Ätar che "da sempre la vostra ossessione", vegn' in cà tua e dät sù la puar par me l'è un'ussession bella abota. Al sò gol l'ha fatt ätar che mëtt un pò 'd pevar in dal finäl, atsè,  tant da fäs mancä gninta.
Quäsi quäsi Scapini al m'ha fatt un piaser, pò at patiss a 'rivä alla fein, pö bella l'è la fèsta dopa.
Una fèsta ca purtarum seimpar in dal cör parchè veins al tèrs dèrby cunsecütiv in trasfèrta l'è una roba d'andä föra ad tèsta, anca sa gh'è la rima.
Mia tütt i pölan capì cus passa par la tèsta a un tifus in chi mumeint le e seins' ätar i farann fadiga a crëd che l'è vüna dill rob pössè bell ca pössa sücced. Am dispiäs par lur.
All'arriv a Piaseinza, appèna sù dal pulman,  ho vist al presideint, al Gatton (parchè sa scriv al vecc' al ma da un crustein), al g'äva un surris da uriccia a uriccia che però al passäva dai snocc'
As sum brassä sö e al ma fa : "T'è cunteint è piccin?" . Lü no inveci, gnian un bris.
E sicüra ca sum cunteint.
Par chi ha mäi pigä la sò bandiera, par chi l'era a Fiurinsöla quand um ciappä quattar gol in cuppa Italia, par chi a SanPolo d'Enza l'ha tifä nuanta minüd quand um pèrs la prima partida in Eccellenza. Sum cunteint par chi ha fatt una trasfèrra al Bertocchi, par chi dla mè generasion chi han aspettä quarant'ann par veins a Carmona e dopa.....tre vot a drè
Sum cunteint pr'i giuan che lamò i'han gnamò pèrs e par me fiöla cl'ha fatt la duppiëtta e l'ha mia vist sò pär cul lagrim a i'occ' parchè al gäva sö i'ucciäi da sul. Sum cunteint par la cürva parchè.....la gente come noi non molla mai !
Sum cunteint pr'al mister e pr'i ragass parchè i ricurdaran ad quand ien rastä bluccä in mesa alla strä da una manga ad matt ca cantäva, par Marco Gatti parchè al sò c'agh rügla un pò 'l fatt ca l'äva imprumiss da purtäm in di prufessiunista in tri ann e inveci agh n'è vurì vöi ad pö, va tranquill cla va bein atsè, la vittoria ad duminca la väl bota ad pö d'un ann ad serie D
Ah si, sum cunteint anca pr'i tri pont
Grasie a tütt, sum urguglius da pinsä a viätar tant cme "la mè gint".
M'arcmand forza Piace
Pedar

Domenica finita LA partita c’è stata una processione di persone, tutte a dirmi che non vedevano l’ora di leggere la mia rubrica piacentina. Lo so, questa settimana non era prevista. Non me la sono sentita però di tirarmi indietro, per due motivi, primo se c’è della gente che ci tiene a leggere le stupidaggini che scrivo vuol dire che non sono tanto “a posto”, come me.
E poi se posso allungare il godimento non posso far finta di nulla, alla fine, questa gente non tanto “a posto” è la mia gente e insieme a loro ho passato una vita e insieme a loro ho cantato, sofferto, esultato e molte volte anche pianto.
Sinceramente ero un po’ preoccupato perché pensavo che andare a Cremona e vincere il terzo (!) derby consecutivo sarebbe stato duro come il ferro. La legge dei grandi numeri. C’era però anche una vocina che continuava a dirmi: "Se esiste una giustizia si vince, nessuna tifoseria al mondo meriterebbe questa soddisfazione più di voi”.
Sono arrivato allo Zini presto, ho dato un’occhiata “alla mia gente” e mi è tornata in mente la vocina, ho cominciato a pensare che poteva aver ragione…
Pronti via e si è capito subito che il Piace c’era, accidenti se c’era! Il nostro tifo è stato interrotto solamente dal gol del marsigliese.
Più che interrotto è diventato una bolgia, gente che si abbracciava, altri che picchiavano contro il vetro e il marsigliese che correva sotto alla curva come un proiettile. Un godimento!. L’infarto invece l’ho rischiato quando ho visto sventolare il cartellino in faccia a Miori. Quello è stato il momento peggiore perché mancava un’ora di partita e mi vedevo già attraversare il Po con tre gol nel sacco. Quando mia figlia mi ha detto che il guardalinee ha segnalato fuorigioco (si perché io in quel momento stavo guardando per aria) sono stato l’uomo più contento del mondo e non ho potuto fare a meno di pensare che era un segnale.
L’intervallo in questi casi è quasi una tortura perché vuoi sapere come andrà a finire, sei stufo di continuare a ripeterti “speriamo che” o “dovrebbe succede questo”. Avevo quasi paura di illudermi troppo ma d’altronde un Piace così lasciava sperare, una squadra da leccarsi i baffi e anche le basette. In quei momenti dici una preghiera al dio del calcio, altroché se la dici. Chi dice il contrario ha più balle del cavallo del Mochi.
I piagiamati c’è da dire che hanno una bella mira.
Perché prendere due pali in trenta secondi non ci riesci nemmeno se vai a giocare in un bosco.
Mi dispiace per voi…..non però.
Un altro segnale, il dio del calcio ha girato la testa da questa parte, oppure ha ascoltato le nostre preghiere. Appena dopo il gol del due a zero e intanto che esultavo montava la sicurezza che ce l’avremmo fatta anche quest’anno. Altroché “da sempre la vostra ossessione” venire in casa tua e darti giù la polvere per me è un’ossessione molto bella.
Il loro gol non ha fatto altro che mettere un po’ di pepe al finale, così, tanto per non farsi mancare nulla.
Quasi quasi Scappini mi ha fatto un piacere, più si soffre per arrivare alla fine, più è bella la festa dopo.
Una festa che porteremo sempre nel cuore perché vincere il terzo derby consecutivo in trasferta è una cosa da “sballo”, anche se c’è la rima.
Non tutti possono capire cosa passa per la testa di un tifoso in qiuei momenti e senz’altro faranno fatica a credere che è una delle cose più belle che possano accaderti. Mi dispiace per loro.
All’arrivo a Piacenza, appena scesi dal pullman, ho visto il presidente, il Gattone (perché se scrivo “il vecchio” mi dà uno scappellotto), aveva un sorriso che andava da un’orecchia all’atra passando però dalle ginocchia.
Ci siamo abbracciati e mi ha detto: “Sei contento giovane”? Lui no invece, nemmeno un poco.
E sicuro che sono contento.
Per chi non ha mai piegato la sua bandiera, per chi era a Fiorenzuola quando abbiamo preso quattro gol in Coppa Italia, per chi a San Polo D’Enza ha tifato novanta minuti quando abbiamo perso la prima partita di Eccellenza. Sono contento per chi ha fatto una trasferta al Bertocchi, per quelli della mia generazione che hanno aspettato 40 anni per vincere a Cremona e dopo….tre volte consecutive.
Sono contento per i giovani a Cremona non hanno ancora perso e per mia figlia che ha fatto la doppietta e non ha visto suo padre con le lacrime agli occhi perché avevo su gli occhiali. Sono contento per la Curva perché….la gente come noi non molla mai!.
Sono contento per il mister e per i ragazzi perché ricorderanno quando sono rimasti bloccati in mezzo a una strada perché una banda di matti cantava per loro, per Marco Gatti perché so che gli brucia un po’ l’aver fatto la promessa di portarci nei professionisti in tre anni e invece ce n’è voluto uno di più, vai tranquillo che va bene così, la vittoria di domenica vale molto di più di un anno in serie D.
Ah sì, son contento anche per i tre punti.
Grazie a tutti, sono orgoglioso di pensare a voi come “la mia gente”.
Mi raccomando forza Piace
Pietro.
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dilettanti - Il Dpcm chiude Seconda e Terza Categoria. Si gioca in D, Eccellenza, Promozione e Prima

  • Dilettanti - Tutti i risultati della domenica. Bobbiese e valanga. Bene Vigolo e Alsenese. Spes e Ziano super

  • Dilettanti - Il Dpcm chiude Terza e (forse) Seconda Categoria, le uniche che non hanno avuto problemi

  • Piacenza-Olbia: 1-1 il missile di Corradi al 90' vale il pareggio

  • Pistoiese-Piacenza 2-1: nuova beffa nel recupero a firma di Chinellato

  • Risultati e classifiche di Juniores, Allievi e Giovanissimi. Il Dpcm chiude i campionati Provinciali

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SportPiacenza è in caricamento