Questo sito contribuisce all'audience di

Serie C - La maggioranza dei club vuole chiudere qui la stagione. Servono drastiche riforme per la prossima

E' anche la posizione del Piacenza. Nessuna società di Lega Pro è in grado di applicare il protocollo medico o allungare i contratti di altri 6 mesi e la necessità è quella di una riforma rivoluzionaria perché a rischio c'è anche la prossima stagione

datei_s-6Chiudere il campionato di Serie C e pensare parallelamente a una serie di riforme per la stagione 2020/2021 perché al netto di slogan dal sapore più politico che sportivo, la Serie C rischia seriamente di non ripartire più.
E’ quanto emerso in sostanza dal recente Consiglio Direttivo di Lega Pro di questa mattina a cui hanno partecipato i sei consiglieri eletti dalle società, i due consiglieri federali e il dg del Piacenza, Marco Scianò, in qualità di presidente della CalcioServizi di Lega Pro.

L’idea è sempre la solita, che si batte ormai da settimane: prendere atto che la Serie C non è la Serie A e per motivi prettamente economici è necessario decretare la chiusura della stagione e iniziare a studiare una serie di riforme drastiche. Chiaro che questa soluzione dovrebbe comportare in qualche modo almeno il meccanismo delle promozioni (da qui si comprendono le posizioni diverse di Monza, Vicenza e Reggina) ma una volta messe a posto queste l’attenzione deve rivolgersi a una serie di riforme non più rimandabili: la Serie C rischia la sua stessa esistenza. Al momento tutto rimane in un limbo di attesa, spaventano i ricorsi, ma se la A deve giocoforza finire per motivi economici questo discorso non vale per la C e solamente in parte per la B.

Se la C dovesse riprendere il campionato - chissà quando e chissà come - si aprirebbero tre fonti insormontabili: la questione dei contratti in scadenza il 30 giugno che andrebbero allungati di altri 6 mesi senza avere alcun introito (porte chiuse e gli sponsor hanno chiuso i rubinetti), un protocollo medico impossibile da adottare (maxi ritiri, tamponi ogni 4 giorni, staff medico sempre a disposizioni, sanificazione costante di tutti gli ambienti) e, infine, la mancanza di volontà da parte di presidenti e medici del club di assumersi un’eventuale responsabilità penale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La richiesta di gran parte dei club di Serie C, si dice siano almeno il 90%, è quella di chiudere qui la stagione e approntare un piano di rilancio fiscale per la prossima stagione. Tra sponsor che verranno a mancare, stadi chiusi almeno fino a Natale (o fino a quando non sarà trovato un vaccino) e proprietà concentrate a salvaguardare le proprie aziende piuttosto che le squadre di pallone il rischio è quello di non aver più una Serie C da guardare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coppa Italia - Piacenza sconfitto 1-2, il Teramo sbanca il Garilli senza fatica

  • Piacenza-Grosseto 0-2: al Garilli decidono i gol di Moscati e Gallicani

  • Piacenza, male la prima. Il Teramo domina, biancorossi fuori dalla Coppa e con dei problemi da risolvere

  • Dilettanti - Tutti i risultati della domenica. Nibbiano&Valtidone, CastellanaFontana e Vigolzone ok

  • Prato-Fiorenzuola: 1-0, decide una rete di Ortolini in avvio di gara

  • Gardini: «Amareggiato per la situazione, ma sono certo che la Gas Sales Bluenergy farà una grande annata»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SportPiacenza è in caricamento