Questo sito contribuisce all'audience di

La botta è passata ma il livido rimarrà a lungo. Coraggio Piacenza: ora ci vuole l'elmetto

Il tempo dei processi e delle accuse deve finire velocemente, a Siena abbiamo sbagliato l'atteggiamento. Ora testa ai playoff perché la squadra è forte e può arrivare fino in fondo a patto che faccia quadrato.

Come detto l’elaborazione passa inevitabilmente dai processi, il calcio è così, tuttavia il Piacenza deve solamente guardare dentro se stesso con fierezza per quello che ha fatto (due mesi di vittorie filate per rimontare il maxi svantaggio sull’Entella) e con la giusta dose di autocritica per aver sbagliato la partita dell’anno a Siena. La squadra si è squagliata sul più bello, ha sbagliato troppe singole situazioni nel primo tempo, nella ripresa ha subito un gol evitabile, ha reagito 5 minuti e poi si è dissolta. Sulla seconda rete di Gliozzi la luce si è spenta definitivamente. Sul banco degli imputati anche l’atteggiamento dell’ambiente - non intendiamo i tifosi, sia chiaro - che probabilmente dava per scontata la vittoria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

C’era un clima da gita di piacere, possiamo dirlo. Rifiniture e allenamenti aperti a tutti, stampa sul campo, pacche sulle spalle durante il riscaldamento a Siena, dichiarazioni a gogo, foto e selfie.
Tuttavia c’è un’altra occasione importante: i playoff. Il lutto andrà elaborato ancora per qualche giorno, fino a giovedì alla ripresa degli allenamenti, dopodiché andrà metabolizzata la lezione e bisognerà ripartire più forti che mai: elmetto e cazzimma.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dal catrame di Centocelle a Zidane. «Il più forte che ho visto. E quanto menava Cleto in allenamento». La vita di Daniele Moretti

  • Covid19 - I dati di martedì 31 marzo: 27 morti a Piacenza, il totale sale a 543. E' ancora un giorno di dolore

  • Maradona, Bruno Conti, Baresi e il Piacenza tutto italiano. Il capitano Settimio Lucci ci racconta 20 anni di carriera

  • De Joannon all’attacco: «Ho dato la mia disponibilità per dare una mano. Da medico voglio combattere il coronavirus»

  • Calcio Dilettanti e Podenzano in lutto: ci lascia Abele Boselli. «E' la storia che se ne va»

  • Magnacavallo, primario del Pronto Soccorso: «Vediamo una diminuzione degli accessi, la situazione inizia a essere più gestibile»

Torna su
SportPiacenza è in caricamento