rotate-mobile
Sabato, 27 Novembre 2021
Piacenza Calcio

L'ultimo saluto a Marco Reboli allo stadio e in Santa Maria di Campagna. Tifosi da tutta Italia. VIDEO

Centinaia di ultras omaggiano uno dei fondatori della curva piacentina allo stadio Garilli. Grande commozione in chiesa, presente tutte la squadra del Piacenza Calcio

C’è un prima e un dopo nel funerale di Marco Reboli, tra i fondatori della Curva Nord Piacenza scomparso nella notte tra sabato e domenica. 
La prima è una liturgia laica, che si svolge allo stadio Garilli un’ora prima del funerale. Nel cuore pulsante del tifo ultras convergono supporter da ogni angolo d’Italia, da nord a sud, da est a ovest. Non faremo nomi perché correremmo il rischio di dimenticare qualcuno, ma c’erano decine e decine di gruppi presenti a testimonianza di quanto Marco Reboli fosse stimato e conosciuto (anche dagli storici rivali della Cremonese che hanno salutato il Principe sulla propria pagina Facebook). Tutti in rigoroso silenzio hanno presto posto compatti e ordinati sui gradoni di cemento della Curva vecchia - aperta per l’occasione -, quando il feretro è entrato nello stadio si sono alzati i cori dei circa 500 presenti (andiamo a occhio), che il fratello Davide ha ringraziato. Bandiere al vento e occhi umidi.

Il dopo, invece, è la liturgia cristiana, il funerale in Santa Maria di Campagna per dare l’ultimo saluto a Marco. Due ali di tifosi l’hanno accolto all’ingresso della chiesa e all’uscita, dopo la funzione religiosa. Cori e occhi umidi anche qui.
In mezzo, tra il prima e il dopo, c’è il saluto a uno degli esponenti storici della curva piacentina. Vecchio stile, vecchia guardia, vecchia maniera. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'ultimo saluto a Marco Reboli allo stadio e in Santa Maria di Campagna. Tifosi da tutta Italia. VIDEO

SportPiacenza è in caricamento