menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Davide Baldini, in primo piano a sinistra insieme ai ragazzi della Curva in trasferta a Trapani

Davide Baldini, in primo piano a sinistra insieme ai ragazzi della Curva in trasferta a Trapani

L'incredibile viaggio di un tifoso, Davide Baldini: da Tokyo a Trapani per vedere la finalissima del Piacenza

I tifosi di calcio è risaputo, sono capaci di qualunque follia di amore per la propria squadra. E' il caso di Davide che vive e lavora in Giappone: «Quasi 30mila chilometri tra aereo, pullman e traghetto, ma lo rifarei anche conoscendo il risultato in anticipo»

Breve pausa, poi Davide riprende in mano il discorso. «L’ho fatto, come detto, per vedere la partita insieme agli amici fraterni della Curva e con i giovani ragazzi che da qualche mese stanno mettendo in piedi uno spettacolo splendido tra i tifosi. E’ stato bellissimo viaggiare insieme. Chiaramente non vi nascondo che il rientro a Tokyo è stato piuttosto difficile, prima di tutto perché mi sono allontanato dalla mia famiglia che rimane in Italia per l’estate e poi perché la sconfitta è sempre dura da digerire ma noi siamo piacentini e, in quanto tali, siamo abituati a cadere e a rialzarci subito».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Saresti disposto a rifarlo? «Senza ombra di dubbio, lo rifarei sapendo anche il risultato in anticipo, cioè la sconfitta. Mi sono troppo divertito come sempre, cit fu fu fu fu» - cioè? - «la possono capire solo quelli che erano sul pullman». In chiusura chiediamo a Davide perché questa scelta di andare a vivere a Tokyo.
«E’ stata una scelta di vita ragionata e al momento molto positiva. Starò in Giappone per i prossimi 2 anni per lavorare con la mia famiglia. Tokyo è una città bellissima, moderna e sicura, perfetta per far crescere dei bambini». E in caso il Piacenza Calcio chiami ancora? «Risposta scontata, ogni volta che potrò prenderò la sciarpa per andare a vedere la mia squadra del cuore».


64760858_1104551359737809_3781431314981322752_n-3

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento