menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Piacenza ringrazia San Fumagalli e strappa un robusto pareggio a Pisa

I biancorossi senza Taugourdeau e Corradi tornano per l'occasione al 3-5-2, scelta che dà i suoi frutti perché il Pisa mette insieme solamente due occasioni disinnescate dal portiere degli emiliani. Martedì si torna in campo al Garilli contro il Prato

Un Piacenza incerottato da cima a fondo strappa un buon pareggio sul campo di un Pisa uscito tra i fischi del proprio pubblico (due punti in quattro gare). Gli emiliani devono fare un monumento a Fumagalli che compie due miracoli sulle conclusioni di Ferrante ed Eusepi, più in generale la squadra di Franzini interpreta una partita di lotta, attenta in difesa e cercando di colpire gli avversari in contropiede. Il Pisa mantiene in mano il gioco per tutto l’arco della partita senza creare più delle due occasioni citate, i biancorossi danno l’impressione di poter crescere a metà del primo tempo quando chiudono la squadra di Pazienza nella propria meta campo, tuttavia è solo un’impressione che dura 10 minuti in tutto. A conti fatti è un pareggio robusto e giusto, ottenuto su un campo difficile anche se, la sensazione, è che il Piacenza avrebbe potuto ottenere anche di più con un maggior coraggio e una maggiore precisione nel rifinire le giocate, qualità quest’ultima che spesso e volentieri è mancata. Un plauso infine ai quasi 150 tifosi del Piacenza che hanno raggiunto Pisa: tifo incessante per novanta minuti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento