rotate-mobile
Piacenza Calcio

Il misterioso imprenditore interessato al Piacenza era Tony Tiong, ma ha scelto di investire nell'Ancona

La sua famiglia è la 16esima più ricca di Malesia, secondo Forbes, con un patrimonio stimato di 1.3 miliardi di dollari. A dicembre i suoi emissari parteciparono all'incontro in Comune di cui Sportpiacenza aveva raccontato nonostante le smentite. Numerose le società nel mirino, alla fine ha scelto il club marchigiano

I nostri lettori si ricorderanno quando, lo scorso dicembre, raccontammo su queste colonne di un incontro a Palazzo Mercanti tra lo stato maggiore del Piacenza Calcio, cioè il presidente Pighi, il dg Scianò e il direttore marketing Fiorani, e l’amministrazione comunale (rappresentata dagli assessori Cavalli e Passoni) a cui, secondo fonti verificate, aveva partecipato anche un misterioso imprenditore che stava valutando la possibilità di entrare come socio di maggioranza nel club di via Gorra.
La notizia si fermò lì, tra le classiche - e comprensibili - smentite di rito, senza che il nome di questa persona emergesse. Nelle ultime ore però si è aggiunto un tassello molto importante alla vicenda che diciamo subito essere sfumata ma conferma come il Piacenza sia sempre alla ricerca di nuovi investitori e risulti ancora appetibile sul mercato.
Sgomberiamo il campo da ogni dubbio, in quanto la notizia ci viene confermata - senza paura di smentita - direttamente dai principali quotidiani di Ancona: si trattava dell’imprenditore Tony Tiong, australiano di origini malesi, che giusto nella giornata di mercoledì è diventato il nuovo azionista di maggioranza dell’Ancona in Serie C. Ai margini della conferenza stampa di presentazione sono uscite chiare e inequivocabili conferme di come Tiong fosse interessato a diversi club tra cui, appunto, il Piacenza lo scorso dicembre

Il nonno, fondatore del gruppo RH è stato eletto dal prestigioso magazine Forbes come 16esimo uomo più ricco di Malesia con un patrimonio da 1.3 miliardi di dollari nelle tasche, i suoi quattro quotidiani rappresentano il 70% del business informazione in Malesia mentre Tony è l’ad del ramo che si occupa di esplorazione, risorse minerarie non petrolifere e gas, inoltre Tiong possiede la Owlsome, una società comprendente un gruppo di aziende con attività di prodotti di consumo, cibo, bevande e benessere.

Tuttavia è corretto anche dire che Tony Tiong non era presente fisicamente a quell’incontro, per suo mandato erano presenti advisor con l’obiettivo di sondare il Piacenza e la possibilità di sviluppare strutture sportive e, occorre sottolineare, il Piace non era l’unica società a cui Tiong si era interessato in quel momento. Tra le tante che il Perugia (Serie B) e molte altre di Serie C come ad esempio il Cesena e la Lucchese ma alla fine la sua scelta è ricaduta sull’Ancona di cui ha acquistato il 95% delle quote.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il misterioso imprenditore interessato al Piacenza era Tony Tiong, ma ha scelto di investire nell'Ancona

SportPiacenza è in caricamento