Questo sito contribuisce all'audience di

Franzini non va in sala stampa, c'è Lussardi: «Partita interpretata benissimo». Gatti furibondo con Pesenti

Il tecnico non si presenta - «ha il mal di gola» - la suo posto il vice: «Abbiamo creato molto rimane il rammarico per non aver vinto. Davanti però c'era la capolista». Pesenti esulta all'indirizzo di Stefano Gatti: «E' una vergogna, il Padova chieda scusa».

Andrea Lussardi (foto Trongone)

Nuova Asx Tagliaferri-4Animi agitati in sala interviste dopo il pareggio tra Piacenza e Padova. Il presidente onorario del Piacenza, Stefano Gatti, ha voluto prendere la parola, arrabbiatissimo, per commentare il gesto dell’ex Massimiliano Pesenti, che dopo il gol ha mimato le orecchie alla tribuna all’indirizzo del presidente biancorosso: «È una cosa indescrivibile», tuona il dirigente senza mai nominare l’attaccante che fino allo scorso gennaio vestiva la maglia del Piacenza, «se avessi sotto contratto un personaggio del genere lo caccerei immediatamente. Il suo è stato un gesto antisportivo. È un animale. Che cosa ha fatto di male il Piacenza a Pesenti? Per me queste persone non dovrebbero giocare al calcio». Dopodiché, uscendo dalla sala conferenze, ed entrando nella saletta delle televisioni dove stava venendo intervistato Salvatore Sullo, il tecnico del Padova, il presidente onorario ha urlato in modo colorito che «il Padova dovrebbe chiedere scusa per il gesto del suo giocatore».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Poco più tardi, il mister patavino, incalzato sulle dichiarazioni del presidente, ha voluto minimizzare: «Il presidente ha la sua opinione, che è sacra. Ma penso anche che il calcio è uno sport. Al 90’ la partita finisce e bisogna chiuderla lì. Se mi è mai successo di esultare con il gesto delle orecchie in carriera? Sì, contro i miei tifosi, in un Messina-Sampdoria. È folclore, adesso però vorrei parlare della partita». L’allenatore ha poi commentato il pareggio dei suoi: «Le squadre hanno giocato un tempo a testa, quindi il risultato è giusto. All’inizio eravamo in difficoltà, ma abbiamo tenuto botta: il Piacenza aveva speso molto e noi abbiamo disputato un secondo tempo buono. A mio modo di vedere, si sono affrontate due squadre molto forti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coppa Italia - Piacenza sconfitto 1-2, il Teramo sbanca il Garilli senza fatica

  • Piacenza, male la prima. Il Teramo domina, biancorossi fuori dalla Coppa e con dei problemi da risolvere

  • La Gas Sales Bluenergy va a singhiozzo, Padova vince 3-1. Biancorossi fuori dalla Coppa Italia

  • Gardini: «Amareggiato per la situazione, ma sono certo che la Gas Sales Bluenergy farà una grande annata»

  • Omicidio a Lecce, ucciso l'arbitro Daniele De Santis. Aveva arbitrato il Piacenza quattro volte negli ultimi anni

  • Lorenzo Bernardi nuovo allenatore della Gas Sales Bluenergy

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SportPiacenza è in caricamento