Questo sito contribuisce all'audience di

Franzini: «Bene così, ma serve più attenzione». Pagelle

Arriva la prima vittoria in campionato per il Piacenza, autore di una prestazione perentoria che lo ha portato avanti sul tre a zero con le reti di Franchi (doppietta) e Titone. Poi la paura, perché la Lupa Roma rimonta due gol...

Franzini: «Bene così, ma serve più attenzione». Pagelle - 1


Arriva la prima vittoria in campionato per il Piacenza, autore di una prestazione perentoria che lo ha portato avanti sul tre a zero con le reti di Franchi (doppietta) e Titone. Poi la paura, perché la Lupa Roma rimonta due gol approfittando di un rilassamento dei biancorossi: «Per come è finita possiamo essere soddisfatti - analizza Arnaldo Franzini nel post gara - certo è che poteva finire anche in modo diverso per come si era messa, ma alla fine sono arrivati i tre punti e credo che questa fosse la cosa più importante di oggi. Peccato per questa distrazione finale, ma la squadra ha fatto una grande prestazione creando tanto e non concedendo niente. Ecco, forse sbagliamo troppo sotto porta. Se ripenso alle due partite con Lupa Roma e Lucchese credo che avremmo potuto essere tranquillamente il miglior attacco del girone. Questo è il punto dove dobbiamo migliorare, perché non in tutte le partite arriveremo con questa facilità sotto porta».

L’eroe di giornata è stato senza dubbio Stefano Franchi, autore di una doppietta decisiva nell’economia della partita: «Sono soddisfatto per la doppietta e per la prestazione della squadra. A parte i 15 minuti di apnea: quello che è successo ci dovrà essere d’insegnamento. Qui siamo in Lega Pro, quindi un gradino sopra rispetto all’anno scorso, e gli avversari non ti regalano nulla anche sul 3-0. Se è stato un calo di concentrazione oppure fisico? Entrambi, ma principalmente è stato un errore d’inesperienza, dobbiamo fare tesoro di quanto è accaduto ed essere più bravi in futuro». C’è una dedica speciale per papà Bruno: «Voglio dedicare la mia doppietta a mio padre perché oggi è il suo compleanno».
 
Ed è un presidente onorario Stefano Gatti euforico quello che commenta la prima vittoria stagionale: «Abbiamo giocato molto bene - ha detto - la paura nel finale? Se le vincessimo tutte così e arrivassimo quanto prima a 45 punti sarei l’uomo più contento sulla terra. Noi abbiamo assemblato una squadra per raggiungere la salvezza, poi tutto quello che viene in più è grasso che cola». Infine, il presidente onorario, alla domanda se la società stia ancora cercando un portiere, ha glissato e difeso Miori: «Il nostro portiere ha fatto il suo - ha detto - il primo gol è stato trovato dalla Lupa Roma, mentre sul secondo, avendo l’avversario davanti alla porta, non poteva fare certo granché». 

ABBONAMENTI - Intanto la campagna abbonamenti ha fatto registrare, con uno sprint dell’ultima ora, il dato finale di 1030 tessere vendute. Non è finita qui, tuttavia, poiché la società riaprirà la campagna abbonamenti a partire da mercoledì 7 settembre fino al mercoledì successivo.
Marcello Astorri 

LE PAGELLE DI MARCELLO ASTORRI

Miori 6: prende due gol sui quali poteva obiettivamente fare poco, in alcune circostanze, tuttavia, sembra essere ancora un po’ insicuro: in particolare nelle uscite. Ha bisogno di acquisire fiducia e lo può fare solo giocando.

Sciacca 6: brivido freddo per tutta la retroguardia quando pasticcia con un retropassaggio troppo corto, ma per il resto ha condotto una partita piuttosto equilibrata, come del resto gli aveva richiesto Franzini alla vigilia. 

Pergreffi 6: a Lucca c’era stato l’erroraccio del calcio di rigore a vanificare una prova altrimenti convincente, con la Lupa Roma, invece, è attento e pimpante per almeno 75 minuti, nonostante i laziali avessero gli elementi migliori proprio là davanti (vedere Mancosu). 

Silva 6,5: la difesa non concede nulla ed è guidata impeccabilmente, lui cuce e distribuisce il gioco sulle corsie laterali. In affanno nel finale, ma come tutti. 

Agostinone 6: piace molto nel primo tempo, quando si propone con continuità e partecipa attivamente allo sviluppo dell’azione. Cala nel momento di opacità generalizzato, addormentandosi sulla rete di Baldassin.

Saber 6: fa meglio rispetto a Lucca, si conferma in crescita. Catalizza molti palloni e percorre miglia e miglia di corsa. Gli si toglie mezzo punto per la continua ricerca della giocata più difficile che a volte gli complica la vita.

Taugourdeau 6,5: parte molto bene, dispensando lanci con il contagiri. E’ da cinema quello che dopo 5 minuti pesca Franchi nel cuore dell’area capitolina. Nel finale va un po’ in affanno a causa della stanchezza, ma nel complesso la sua prova è ancora una volta convincente.

Barba 6,5: mezzo voto in più per lo splendido assist che imbecca Franchi per l’1-0. Il resto della gara è un continuo alternarsi di errori a giocate apprezzabili. Con l’aumentare della condizione probabilmente aumenteranno le seconde rispetto alle prime. Dal 32' st Matteassi s.v.

Titone 6,5: segna il gol del 2-0 un attimo prima che Franzini lo richiamasse in panchina, poi si toglie la maglia e si gode il primo abbraccio dei suoi nuovi tifosi. A volte sbaglia, è vero, ma dà vivacità e tiene costantemente in apprensione la difesa ospite. Dal 20' st Cazzamalli 6,5: si mangia il gol del possibile 4-2, ma è una gemma l’assist che recapita sulla testa di Franchi per il 3-0, tra l’altro pochi minuti dopo essere entrato. Si conferma una garanzia sia dal primo minuti che a partita in corso.  

Razzitti 6,5: si divora due gol, a volte sembra che gli manchi l’istinto del killer quando è ora di premere il grilletto. Però lotta, fa salire i compagni e smista bene il pallone sugli esterni. A un certo punto, nella ripresa, s’inventa uno slalom alla Alberto Tomba bevendosi due difensori della Lupa, peccato che il tiro venga poi respinto dal portiere.

Franchi 7,5: la palma di migliore in campo va nettamente a lui. Non solo per la doppietta, comunque prodigio di opportunismo e senso del gol, ma anche per l’instancabile - e logorante per gli avversari - movimento a cercare l’appoggio ai compagni e poi la profondità. Indiavolato. Dal 40' st Di Cecco s.v.

All. Franzini 7: per 75 minuti si vede un Piacenza magistrale, quasi travolgente come quello dell’anno scorso. Solo un paio le sbavature: qualche occasione sciupata e il rilassamento nel finale. Su questi punti ci si può lavorare, ma la squadra ha un’idea di gioco e così facendo potrà togliersi delle soddisfazioni. 
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dilettanti - Il Dpcm chiude Seconda e Terza Categoria. Si gioca in D, Eccellenza, Promozione e Prima

  • Dilettanti - Tutti i risultati della domenica. Bobbiese e valanga. Bene Vigolo e Alsenese. Spes e Ziano super

  • Dilettanti - Fontana chiude tutti i campionati della Lombardia. Il San Rocco però gioca, rimane in piedi la Serie D

  • Dilettanti - Il Dpcm chiude Terza e (forse) Seconda Categoria, le uniche che non hanno avuto problemi

  • Piacenza-Olbia: 1-1 il missile di Corradi al 90' vale il pareggio

  • Pistoiese-Piacenza 2-1: nuova beffa nel recupero a firma di Chinellato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SportPiacenza è in caricamento