Martedì, 26 Ottobre 2021
Piacenza Calcio

Ecco il "welfare Piacenza Calcio": donazioni ai settori giovanili del territorio, all'As.so.fa e rimborsi agli abbonati

Il Piacenza Calcio lancia tre splendide iniziative: 25mila euro a disposizione delle società di calcio dilettanti con un settore giovanile, all'Assofa saranno donati 5mila euro e un pulmino, per i tifosi due opzioni per il rimborso dell'abbonamento 2019/2020

Decisamente interessante anche la seconda iniziativa che rappresenta una sorta di “prima volta” molto bella e va nella direzione di aiuto ai club dilettantistici della città. Sono previsti 25mila euro di contributi alle società del territorio piacentino che hanno un settore giovanile. A spiegare l’iniziativa è il delegato Figc, Luigi Pelò: «Sul territorio abbiamo 72 società di calcio di cui 12-15 non fanno settore giovanile e quindi saranno escluse da questo contributo. E’ stato studiato un algoritmo per ripartire al meglio questi 25mila euro messi a disposizione dal Piacenza e si basa su tre criteri: il numero di giocatori presenti nel settore giovanile di una squadra, il coefficiente dettato dalla categoria di appartenenza e numero delle squadre messe in campo». Scianò scende nello specifico: «Il contributo sarà accreditato direttamente sull’iban delle squadre dilettantistiche locali e vi assicuro che questo non sarà un gesto isolato».
Unitamente a questa iniziativa ce n’è un’altra, altrettanto bella, che si rivolge all’As.so.fa, associazione che sta particolarmente a cuore al presidente Pighi. Saranno donati 5mila euro all’associazione che svolge sul territorio piacentino un importante servizio a favore di persone portatrici di handicap, alla loro integrazione e partecipazione alla vita sociale. Inoltre sarà donato un pulmino per il trasporto di persone al fine di favorirne lo svolgimento delle loro preziose attività a servizio della comunità piacentina.
«Tra le donazioni ai settori giovanili e quelli all’As.so.fa - aggiunge Pighu - parliamo di una cifra intorno ai 40 mila euro, cioè il 2% del nostro budget».

Ultimo giro di commenti per il delegato Coni, Robert Gionelli: «Tutto questo sarebbe un atto non dovuto da parte del Piacenza, per riprendere le parole di Pighi, eppure il Piacenza lo ha fatto senza che nessuno chiedesse qualcosa. E’ un enorme piacere vedere il Piace allestire queste iniziative di aiuto concreto alla comunità sportiva e sociale, perciò vi ringrazio per questo “welfare” davvero importante, soprattutto in un momento come questo».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ecco il "welfare Piacenza Calcio": donazioni ai settori giovanili del territorio, all'As.so.fa e rimborsi agli abbonati

SportPiacenza è in caricamento