Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dieci anni fa il famoso Albinoleffe-Piacenza 3-3 che diede il via alle indagini sul calcioscommesse. VIDEO

Era il 20 dicembre del 2010 e le due squadre giocavano in Serie B. Su quella partita, apparentemente senza molto significato, transitò un volume di scommesse pari a 6 milioni di euro. Da lì presero il via le indagini della Procura di Cremona

Albinoleffe-Piacenza, giocata sotto la Vigilia di Natale, non è un bel ricordo per i tifosi biancorossi. Proprio 10 anni fa, il 20 dicembre del 2010, si giocò quell’ormai triste e famoso Albinoleffe-Piacenza 3-3 che di fatto aprì le indagini sulla vicenda del calcioscommesse e sull’inchiesta Last Bet della Procura di Cremona.
Su quella gara, si scoprirà in un secondo momento, transitò un flusso di scommesse pari a 6 milioni di euro, lo segnalò la commissione del Regno Unito che controlla le scommesse.

«La United Kingdom Gambling Commission, organo di controllo del settore delle scommesse nel Regno Unito - scriveva il gip di Cremona nell'ordinanza - ha segnalato che, tramite il gestore inglese di scommesse Betfair, erano confluite sulla partita del campionato di calcio italiano di serie B AlbinoLeffe-Piacenza, disputata il 20 dicembre 2010, puntate per sei milioni e mezzo di euro giocate quasi interamente sul pareggio. La gara era infatti terminata con il pareggio e l'inconsueto punteggio di 3-3. Normalmente partite simili, tra squadre non di prima grandezza, attirano invece scommesse, sul sito inglese, per non più di cento-centocinquantamila euro».

Il gip si chiedeva quindi cosa potesse avere attirato gli scommettitori su un incontro così poco significativo, lo si scoprirà a maggio quando Last Bet deflagrò nella Procura di Cremona portando alla luce il mondo sommerso delle scommesse e delle partite truccate in Serie B e in Serie C.

«La risposta - scriveva sempre il Gip nell’ordinanza - sembra essere una sola e cioè che la prestazione delle due squadre, emerse più volte, nel corso di queste indagini, come composte anche da giocatori "malleabili", era stata oggetto di accordi e di un risultato finale direzionato e manipolato».

Si parla di

Video popolari

Dieci anni fa il famoso Albinoleffe-Piacenza 3-3 che diede il via alle indagini sul calcioscommesse. VIDEO

SportPiacenza è in caricamento