rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Piacenza Calcio

Coppa Italia - Basta Arena, Piacenza ai sedicesimi

Basta il primo gol stagionale di Marco Arena a piegare la resistenza del Castelfranco. Al termine di una partita ben poco emozionante, i biancorossi staccano il biglietto per i sedicesimi di finale di Coppa che li vedrà di fronte ad una...

Basta il primo gol stagionale di Marco Arena a piegare la resistenza del Castelfranco. Al termine di una partita ben poco emozionante, i biancorossi staccano il biglietto per i sedicesimi di finale di Coppa che li vedrà di fronte ad una concorrente per la vittoria del campionato: il Pontisola. Benino Claudio Pani, apparso in ripresa e autore del pregevole assist per il gol-vittoria, manca tuttavia ancora il miglior smalto per il centrocampista biancorosso.
La Coppa Italia del resto è l’occasione per dare minutaggio ai “big” meno impiegati e per testare i volti nuovi in casa biancorossa, e Viali la sfrutta in pieno mettendo dall’inizio Pani e Arena, oltre ai nuovi arrivati Luca Meregalli (ex Pavia) e l’esterno Michele Colombo (ex Asti e Atalanta). Per tutti gli osservati speciali sarà una prestazione sufficiente (per Arena anche di più), anche se i ritmi bassi tenuti durante tutta la gara non permettono di trarre conclusioni immediate. Il modulo è lo stesso 3-4-3 visto a Lecco, a cambiare, come del resto ci si aspettava per via del turn over, sono gli interpreti (nove undicesimi): Serena tra i pali, linea difensiva composta da Meregalli, Tognassi e Milani, centrocampo con Colombo (a destra) e Minasola (a sinistra) sugli esterni, Pani in regia affiancato da Bovi e tridente d’attacco Martino-Arena-Volpe. Il Castelfranco di mister Marcello Chezzi risponde con un 3-5-2.

ACUTO ARENA - La sfida non brilla certo per furore agonistico. I ritmi sono blandi e si vede abbastanza poco, ma quel poco lo fa tutto il Piacenza. I biancorossi infatti hanno in mano il pallino del gioco e creano subito un’occasione (5’) con Volpe che libera Minasola in area, questo però calcia addosso a D’Agostino e l’occasione sfuma. Il Castelfranco dal canto suo si difende e si segnala unicamente per un colpo di testa del suo centravanti Dalrio che finisce la sua corsa fuori dallo specchio della porta difesa da Serena. La noia si interrompe solo al minuto 43: Pani va sul fondo e serve Arena sul secondo palo che, con un sinistro al volo, spacca il tabellino portando in vantaggio il Piacenza.

AMMINISTRAZIONE - In avvio di ripresa spazio pure a Sanashvili (ancora oggetto misterioso) che prende il posto di Minasola. Il canovaccio della partita invece non cambia, con il Piacenza che amministra senza particolari apprensioni senza rinunciare però alla sortita offensiva. Ad animare la serata ci pensa Volpe, veramente in gran spolvero, che s’inventa al 17’ una sgroppata di oltre 40 metri, potrebbe andare da solo alla conclusione e invece serve sulla corsa Bovi, quest’ultimo tenta di dribblare D’Agostino senza riuscirci e così perde l’attimo per griffare il raddoppio. Il Castelfranco dovrebbe spingere sull’acceleratore per tentare di riequilibrare la partita ma riesce ad essere pericoloso solo nel finale. L’occasione per il pari capita sui piedi di Molinari che, con una bella girata mancina, riesce ad esaltare le qualità di Serena, bravo a deviare in corner. Dopo 5 minuti di recupero, l’arbitro Marini di Trieste pone fine a quella che, con tutta probabilità, non ricorderemo certo per le partite più emozionanti.
Marcello Astorri

Piacenza-Castelfranco: 1-0
Primo tempo: 1-0


Piacenza: Serena, Milani, Meregalli, Bovi, Tognassi, Colombo, Minasola (1' s.t. Sanashvili), Pani, Arena, Volpe (28' s.t De Vecchis), Martino (13' s.t. Alessandroni). A disposizione: Bertozzi, Cavicchia, Martinez, Rossi, Cortesi, Marrazzo. All.: Viali.

Castelfranco: D'Agostino, Sacenti, Buldrini, Sassarini, Girelli, Baldaccini, Delmastio (5' s.t. Louhiochi), Scarpa, Dalrio (32' s.t Berselli), Molinari, Occhi (5' s.t. Formato). A disposizione: Giberti, Tammaro, Nobile, Caiumi, Oubakeut, Beatrizzotti. All.: Chezzi.

Arbitro:
Marini di Trieste (assistenti: Graziano di Mantova e Bologna di Mantova)

Rete: 43' p.t. Arena

Note - Spettatori 200 circa. Campo in ottime condizioni di gioco. Ammoniti: 7' p.t. Minasola. Espulso: 41' s.t il tecnico del Castelfranco Marcello Chezzi per proteste. Tiri: 7-4. Corner: 6-6. Recuperi: 0' pt, 5' st.

VIALI: «CONTENTO DEI NUOVI, BUONA PRESTAZIONE»

Basta una rete di Arena al Piacenza per sbarazzarsi del Castelfranco e accedere ai sedicesimi di finale di Coppa Italia dove troverà ad aspettarlo il Pontisola per un antipasto di quello che, molto probabilmente, sarà anche il tema dominante del campionato. Viali ha approfittato del turno infrasettimanale di Coppa per dare respiro a gran parte della rosa e provare gli ultimi arrivi Meregalli e Colombo, mentre in cabina di regia è rientrato al suo posto Claudio Pani che è sembrato ancora piuttosto indietro per quanto riguarda il passo partita. Intanto nel recupero di campionato proprio il Pontisola ha superato 3 a 1 il Seregno (doppietta di Risi e rete di Crotti) portandosi in vetta alla classifica a punteggio pieno (9) insieme a Inveruno e Castellana.

PARLA ARENA - «Basta il Piacenza non basto io - dice sorridendo l'attaccante -. Sono sempre a disposizione poi decide il mister chi far giocare o no, non ho problemi di convivenza sul campo, siamo un grande gruppo e molto omogeneo». Tornando alla Coppa. «Ora troviamo il Pontisola, squadra di tutto rispetto e saranno tra i concorrenti per vincere il campionato quindi contro di loro è sempre un test importante; ma siamo tranquilli anche questa sera abbiamo giocato bene, siamo magari arrivati un po' stanchi alla fine l'importante era vincere».

PARLA VIALI - «I nuovi li ho visti bene, onestamente non mi aspettavo un prestazione così buona per più di un'ora, poi avevo bisogno dei cambi c'erano sei giocatori con i crampi, più di metà squadra non aveva i 90' nelle gambe. Pani era uno di quelli che non aveva mai fatto una partita vera fino in fondo, mi è piaciuto l'atteggiamento e l'aggressività, per me è andato bene. Per quanto riguarda la partita forse dovevamo chiuderla prima, abbiamo avuto 3-4 occasioni nella ripresa, magari potevamo costruire un po' di più ma anche l'uscita di Martino (crampi) mi ha costretto a cambiare un po' l'assetto della squadra. Arena? Sono contento per lui perché sta soffrendo il fatto di stare fuori ma anche stasera ha dimostrato quanto vale quando viene chiamato in causa».
Giacomo Spotti

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coppa Italia - Basta Arena, Piacenza ai sedicesimi

SportPiacenza è in caricamento