menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Calcio - Piacenza: impossibile prevedere le date, ma quando (e se) si tornerà in campo sarà a porte chiuse

Inizio maggio nella migliore delle ipotesi, a metà nella peggiore. In ogni caso la Serie C dovrà sforare a luglio. Sul tavolo c'è anche l'ipotesi di annullare i campionati e proseguire solo con la Serie A, garantendo comunque promozioni e retrocessioni

Stop fino al 3 aprile, poi chissà. Il Piacenza è totalmente fermo - come le altre squadre del resto - dal 12 marzo. Dieci giorni di blocco che sono stati prorogati fino al 3 aprile quando le giornate senza allenamento saranno 23 e onestamente è impossibile dire se da quel giorno gambe e muscoli torneranno a girare. Probabile che si vada verso Pasqua, con la seconda metà di aprile che potrebbe vedere una riapertura per i ritrovi delle squadra (ma siamo sempre nel campo delle ipotesi), da lì sarebbero necessarie almeno due settimane di lavoro prima di tornare in campo per 90’ a inizio maggio. E siamo nel migliore dei casi.

Il peggiore indica la ripartenza dei campionati a metà maggio, a questo punto si sarebbe obbligati a sconfinare fino a luglio perché in Serie C servono almeno due mesi, giocando a ritmo serratissimo, per chiudere tutto. Playoff ridotti permettendo, l’impianto andrà rivisto - a oggi parteciperebbero 28 squadre con 10 partite per arrivare fino in fondo - sennò altroché due mesi. Soluzione quest’ultima che farebbe slittare le vacanze dei calciatori ad agosto e la ripresa della prossima stagione a ottobre. Tutto scivola avanti.
Di certo c’è una cosa. Se anche l’emergenza Covid19 dovesse prendere una curva discendente nei prossimi mesi sarà comunque impossibile - fino all’arrivo del vaccino - riprendere la vita normale. C’era un prima e ci sarà un dopo Coronavirus. All’impennata dell’epidemia in Lombardia ha senz’altro contribuito la partita di Champions tra Atalanta e Valencia con 50mila persone a San Siro, un acceleratore biologico di infettati che ha evidenziato come raggruppare gente, soprattutto negli stadi, possa trasformarsi in qualcosa di irrimediabilmente drammatico se c’è un’epidemia in corso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento