rotate-mobile
Calcio

Il Piacenza si avvia verso il nuovo anno con propositi di rivincita

Dalla vittoria con la Pergolettese alle novità societarie, parte da qui il futuro dei biancorossi

Per il Piacenza il 2022 non è stato un anno indimenticabile. La squadra allenata da Cristiano Scazzola ha infatti chiuso gli impegni ufficiali con una vittoria sulla Pergolettese, con il punteggio di 3-1, che non gli ha però però permesso di lasciare il penultimo posto in classifica. Dal prossimo 8 gennaio, giorno in cui tornerà anche la Serie C, i biancorossi dovranno quindi al minimo far lievitare il loro rendimento, se vorranno evitare la retrocessione.

Parte dalla vittoria con la Pergolettese la riscossa del Piacenza?

L'affermazione riportata contro la Pergolettese può essere considerata un vero segnale di riscossa, per il Piacenza? Naturalmente a sperare in tal senso sono i tifosi del team, che non hanno esitato a intravvedere la possibilità di una svolta tecnica dopo la vittoria contro una diretta concorrente per la salvezza. Arrivata peraltro dopo il pareggio conseguito in casa del Vicenza secondo in classifica, a testimoniare il risveglio dei biancorossi, dopo le sofferenze delle gare precedenti. La doppietta con cui Morra ha stesso l'avversaria di giornata, peraltro, arriva in un momento molto particolare, in cui le vicende sportive sono spesso costrette a lasciare spazio in cronaca a quelle societarie.

Si attendono buone nuove sul fronte societario

Ormai da settimane l'attenzione di tutti i tifosi del Piacenza è rivolto alle vicende relative a quell'avvicendamento ai vertici dirigenziali che sembra ormai cosa fatta, soprattutto dopo l'ammissione del presidente Pighi sulla cessione delle quote societarie detenute.

Proprio al riguardo, stanno emergendo i nomi relativi ai componenti della cordata di imprenditori locali intenzionati ad acquisire il controllo del glorioso sodalizio biancorosso. Tra di loro, in particolare, spiccherebbero:

·       L'attuale vicepresidente Marco Polenghi.

·       l'azionista di minoranza Eugenio Rigolli;

·       Marco Gatti ancora molto amato dalla tifoseria e costretto a lasciare il timone della società nel 2020.

A loro si aggiungerebbero poi:

·       Giacomo Ponginibbi, amministratore delegato del noto autosalone e presidente di Confapi Piacenza.

·       Cristian Camisa, che di Confapi è presidente in Italia.

·       La famiglia Fermi, storicamente vicina al Piacenza

·       Alessandro Desantis, numero uno e fondatore di Decalacque.

Un mix di persone già note per svariati motivi, anche per motivi calcistici, cui una tifoseria ormai provata dalle vicende dell'ultimo decennio affida le speranze di una rinascita. Se i tempi in cui il Piacenza giocava sui campi della Serie A sembrano lontani anni luce, una guida sicura potrebbe perlomeno permettere alla società emiliana di assestarsi in vista del definitivo rilancio.

Un aiuto decisivo dal mercato? Se le cose a livello tecnico iniziano ad andare meglio, con il tecnico Scazzola che sembra finalmente aver preso le misure all'organico disponibile, una buona mano per la virata definitiva potrebbe giungere dall'ormai prossimo calciomercato.

È stato proprio Marco Polenghi, nel corso di una puntata di “Zona Calcio” trasmessa all'inizio del mese da Telelibertà ad evocare l'arrivo di rinforzi nella sessione invernale di compravendita. Alle domande rivoltegli da tutti i giornalisti presenti in studio, il vicepresidente ha infatti affermato senza mezzi termini che il Piacenza ritiene di poter evitare la lotteria dei playout anche facendo leva su massicci investimenti tesi a integrare la rosa. Una rosa che, secondo la sua valutazione, già sarebbe comunque sufficiente per riuscire a centrare quella comoda salvezza che poteva essere considerato un obiettivo minimo all'inizio della stagione agonistica. Nei piani di Polenghi, comunque, i nuovi arrivi dovrebbero essere già disponibili per la ripresa dell'attività, in modo da poter sfruttare al meglio un calendario che ora sembra farsi meno accidentato.

Naturalmente, tutti i tifosi piacentini osservano con molto interesse l'evoluzione delle faccende societarie e della campagna acquisti di gennaio. Per la seconda, in particolare, sarebbe già stato stanziato un milione di euro, cui si potrebbero aggiungere le ulteriori possibilità concesse dalla cessione di molti elementi che sono spesso fuori dai piani tecnici di Scazzola. Occorre infatti sottolineare come l'organico biancorosso conti in questo momento ben 28 atleti, tanto da spingere qualcuno a parlare di vera e propria rivoluzione ormai alle porte.

Tra i giocatori che potrebbero giungere in Emilia, il nome che ricorre ormai da tempo è quello del centrocampista Marco Moscati, attualmente in forza al Sud Tirol, i cui requisiti sembrano ideali per apportare vigore in mediana. Altri nomi, comunque, emergeranno sicuramente nel corso dei prossimi giorni.

Scommettere sulla salvezza del Piacenza non è un azzardo

Alla luce di quanto detto sinora, scommettere presso i bookmakers online sull'eventuale salvezza del Piacenza non sembra un azzardo. Soprattutto alla luce dei rischi che ogni giorno si assumono i giocatori sulle migliori piattaforme di betting come Sisal, William Hill, Bwin, Betfair, PlanetWin, Goldbet, SNAI, Better Eurobet.

Per chi sia intenzionato a farlo ricordiamo come i casino e gli operatori di scommesse sullo sport operanti in Italia offrano notevoli bonus scommesse, da sfruttare per le proprie puntate. A questi bonus scommesse in fase di benvenuto, nella valutazione dei migliori siti di scommesse sportive, si dovrebbero però unire altri parametri decisivi, ovvero:

·       La presenza di una licenza ADM, rispondente quindi alle leggi italiane.

·       Bonus scommesse di benvenuto adeguati e con requisiti di scommessa non proibitivi.

·       Molti metodi di deposito e prelievo.

·       Quote che possano essere considerate convenienti.

·       Servizi di livello.

In Italia i migliori bookmaker vantano offerte in grado di mixare i fattori che abbiamo ricordato. Prima di fare i deposito di un importo anche minimo per l'apertura del conto di gioco, occorre cercare info attendibili, online. Non farlo, espone a notevoli rischi nel corso delle scommesse.

Il Gioco Responsabile per limitare i rischi

Prima di aprire un conto sul casino o sito di gioco, versando relativo deposito, si consiglia però di riservare un minimo di attenzione ad ognuno di essi. Anche cercando info esaurienti online, tali da chiarire quale possa essere l'offerta più adeguata. In Italia i siti che possono offrire garanzie sulle scommesse sportive sono ormai ben noti, a partire proprio da Sisal, Betfair, William Hill e gli altri che abbiamo ricordato. Fare la propria puntata sulle gare sportive sui migliori può garantire termini e condizioni di gioco sicuri, per chi ama lo sport, a patto che la puntata risponda ai requisiti del Gioco Responsabile. Se i bonus scommesse, le quote maggiorate, i metodi di deposito sul conto sono importanti, la sicurezza del gioco online non lo è certo di meno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Piacenza si avvia verso il nuovo anno con propositi di rivincita

SportPiacenza è in caricamento