Questo sito contribuisce all'audience di

Pro Piacenza sconfitto dalla Reggiana: decide Spanò

Succede come a Pistoia. Il Pro Piacenza ancora una volta si addormenta nel finale, questa volta su un calcio piazzato la difesa lascia Spanò libero di battere a rete e regalare alla Reggiana una partita che, per quanto visto in campo, poteva...

Pro Piacenza sconfitto dalla Reggiana: decide Spanò - 2
Succede come a Pistoia. Il Pro Piacenza ancora una volta si addormenta nel finale, questa volta su un calcio piazzato la difesa lascia Spanò libero di battere a rete e regalare alla Reggiana una partita che, per quanto visto in campo, poteva tranquillamente terminare a reti inviolate. E quello che lascia l'amaro in bocca è che i padroni di casa la spuntano a centoventi secondi dalla fine, esattamente come successo a Pistoia infatti il Pro lotta e difende con i denti un punto prezioso ma lo deve salutare proprio quando vede il traguardo. Nel mezzo una partita completamente diversa da quella vista in Toscana, questa volta al Mapei Stadium i piacentini reggono la sfuriata iniziale dei padroni di casa, pericolosi con Angiulli e Ruopolo (ben imbavagliato da Silva) e nella ripresa si costruiscono in paio di azioni pericolose che potevano essere sfruttate meglio da Torri e Caboni.

Franzini decide di mandare in campo la formazione vittoriosa contro il Pisa e conferma la nuova difesa a tre con Rieti, Silva e Bini nel cuore della difesa, Porcino e Castellana sugli esterni a fare da pendolino, nel cuore del gioco Aliboni, Schiavini e Matteassi con Caboni in appoggio a Torri. La Reggiana risponde con la classica formazione dove Ruopolo è lo spauracchio numero uno in attacco, spesso innescato dalle incursioni di Ricci e Siega, tra i più attivi in avvio di partita ma Alfonso fa buona guardia con un paio di ottime uscite. I padroni di casa patiscono l'assenza di Parola in mezzo al campo, tuttavia la squadra di Colombo dopo 15' di studio inizia a premere sull'acceleratore e il Pro Piacenza sbanda. Prima è Ruopolo a spedire alto in piena area da ottima posizione, poco dopo azione prolungata dei padroni di casa: Mignanelli per Siega, cross in mezzo sventato dalla difesa ma la palla arriva ad Angiulli che ci prova con un bel tiro che costringe Alfonso alla deviazione in corner. I piacentini faticano a uscire dal proprio guscio, si fanno vedere con un debole colpo di testa di Castellana servito da Porcino, ma nulla più in oltre 30' di gara. A fare la partita invece è la Reggiana grazie alle incursioni di Siega che spesso riesce a liberare spazi per gli inserimenti dei proprio compagni; la sensazione è che i granata abbiano in mano le redini della partita ma la corazza protettiva formata dai pretoriani Bini, Silva e Rieti regge l'urto delle folate avversarie. Quello che manca, nel primo tempo del Pro Piacenza, è la fase propositiva; il gioco non si sviluppa e in 45' sul taccuino si annota solo un colpo di testa di Castellana su imbeccata di Porcino, l'unico attivo quando c'è da attaccare. Sull'altra sponda Ricci deve lasciare il campo a Tremolada a causa di un infortunio.

La ripresa si apre con un Pro decisamente più offensivo nella mentalità, Bruggini sfiora il palo con un diagonale da fuori area, i piacentini rispondono con una bella rovesciata di Caboni che si alza di poco sopra alla traversa. Al 60' l'occasione più ghiotta per la squadra di Franzini: Caboni da limite dell'area lascia partire un missile che Feola respinge malamente con i pugni, la sfera rimane lì sui piedi di Torri che spara incredibilmente alto. La Reggiana prova ad aumentare i ritmi, e ci riesce anche, schiacciando il Pro nella propria trequarti ma senza impensierire Alfonso più di tanto. A 15' dalla fine Franzini vede concretizzarsi la possibilità di portare via un punto e crea densità a centrocampo inserendo Marmiroli al posto di Caboni, Colombo dall'altra parte prova Sinigaglia al posto di Siega ma è Tremolada con una conclusione dalla distanza a chiamare Alfonso alla parata. Dentro Alessi per Ruopolo (male) e Mella al posto di Matteassi negli ultimi minuti, la Reggiana spinge, Sinigaglia si fa anticipare di un soffio da Alfonso in uscita. Tutto lascia presagire un pareggio ma, come successo a Pistoia, il Pro Piacenza si addormenta proprio in dirittura d'arrivo: punizione dalla destra di Alessi, dormita colossale della difesa che lascia Spanò libero di colpire di testa e palla in fondo al sacco. Nel finale c'è l'assalto dei piacentini, ci prova Marmiroli e Feola si salva in corner. E' l'ultima azione di una partita giocata bene e finita male. Sabato prossimo al Garilli arriva il Prato.

REGGIANA-PRO PIACENZA: 1-0
Primo tempo: 0-0

Reggiana (4-3-3): Feola, Adreoni, Mignanelli, Angiulli, Spanò, Sabotic, Ricci (40' pt Tremolada), Bruccini, Ruopolo (38' st Alessi), Maltese, Siega (28' st Sinigaglia). A disposizione: Messina, Zanetti, Palumbo, Brunori. All.: Colombo.
Pro Piacenza (3-5-2): Alfonso, Castellana, Porcino, Rieti, Silva, Bini, Matteassi (38' st Mella), Aliboni, Torri, Schiavini (44' st Ravasi), Caboni (30' st Marmiroli). A disposizione: Donnarumma, Ignico, Sanè, Mazzocchi. All.: Franzini.
Rete: 88' Spanò
Arbitro: Bertani di Pisa (assistenti Dal Borgo e Bertasi di Verona)
Note - Spettatori 2260. Ammoniti: 47' st Torri, 47' st Sabotic. Corner 9-1. Recuperi 3'pt, 4' st.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dilettanti - Eccellenza, Promozione e Prima: stop alle Coppe. Seconda e Terza: la stagione sarà completa

  • Spadafora: «Abolito il vincolo sportivo per giovanili e dilettanti». Sibilia: «Si minaccia l'esistenza del calcio»

  • Per gli Interprovinciali confermato il programma attuale, i Provinciali dovrebbero terminare la fase locale prima di Pasqua

  • La Ministra De Micheli: «A scuola turni dalle 8 alle 20, sui banchi anche la domenica». Salta tutta l'organizzazione dello sport?

  • Giana Erminio-Piacenza: 2-0, terza sconfitta consecutiva per i biancorossi

  • Piacenza - Per Simonetti, Pedone, Galazzi e Ghisleni è una partita da dimenticare. Le pagelle

Torna su
SportPiacenza è in caricamento