menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Jacopo Silva (Foto Spreafico-Galli)

Jacopo Silva (Foto Spreafico-Galli)

Pro Piacenza: fuori i punti. Silva squalificato

E' questo il momento più difficile della stagione del Pro Piacenza. Dopo la 35esima giornata i rossoneri sono tornati all'ultimo posto in classifica (in virtù degli scontri diretti) appaiati al San Marino ed è l'unica posizione da evitare...

E' questo il momento più difficile della stagione del Pro Piacenza. Dopo la 35esima giornata i rossoneri sono tornati all'ultimo posto in classifica (in virtù degli scontri diretti) appaiati al San Marino ed è l'unica posizione da evitare veramente perché condanna alla retrocessione diretta.
Il prossimo match al Garilli (domenica ore 15) contro L'Aquila è quindi un crocevia fondamentale per i piacentini che devono assolutamente scrollarsi di dosso il San Marino se vogliono coltivare la speranza di salvarsi attraverso la lotteria dei playout. Non sarà facile perché il Pro sta vivendo un secondo momento di difficoltà: dopo i dieci turni senza vittoria di ottobre e novembre i rossoneri avevano dato il via a una lunga rincorsa ma ora sono tornati in negativo, con cinque sconfitte e due pareggi proprio nella fase cruciale del calendario.
Pro Piacenza dunque con le spalle al muro; e questo potrebbe essere un bene perché a 270' dalla chiusura dei giochi le forze che servono si possono trovare solamente dentro lo spirito di gruppo, qualità regina della squadra di Franzini. La fortuna di certo non aiuta, domenica non ci sarà Silva fermato dal giudice sportivo, ma L'Aquila in fondo è una squadra che non ha più nulla da chiedere al proprio campionato, fuori dalla lotta per i playoff e già salva la formazione abruzzese arriva da due sconfitte consecutive contro Forlì e Pistoiese, entrambe in lotta per la salvezza.
L'assenza forzata di Silva e gli scarsi risultati ottenuti col 3-5-2 potrebbero suggerire a Franzini un cambio di modulo passando ad un iper offensivo 4-2-3-1 con Bacher e Barba davanti alla difesa, tridente formato da Caboni, Matteassi e Alessandro dietro all'unica punta, Speziale o Giovio.
In alternativa è pronto a tornare in mezzo al campo Schiavini per puntare nuovamente sul 4-3-3 che tanti frutti ha dato nei mesi scorsi.

Playoff - Le tre vincitrici dei rispettivi gironi A, B e C saliranno direttamente in Serie B, insieme a una quarta squadra che uscirà dalla lotteria dei playoff. Agli spareggi promozione partecipano seconde e terze classificate di ogni girone, più le due migliori quarte che formeranno il tabellone dei quarti di finale. Sale in Serie B solo la vincitrice (in totale sono quattro promozioni).


Playout - Retrocedono in Serie D le ultime classificate di ogni girone. A queste si aggiungeranno altre due squadre per ogni girone (in totale sono nove retrocesse) che usciranno dai playout in cui si affrontano: quintultima (16a)-penultima (19a), e quartultima (17a)-terzultima (18).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento