menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Arnaldo Franzini-48

Arnaldo Franzini-48

Pro Piacenza: Franzini e Francani firmano un altro capolavoro

Una lezione di calcio per tutti. In cattedra salgono il professor Arnaldo Franzini e il suo Pro Piacenza. All’inizio dell’anno li si è dati per spacciati, schiacciati dal fardello di otto punti di penalizzazione, ma il campo ha ancora una volta...

Una lezione di calcio per tutti. In cattedra salgono il professor Arnaldo Franzini e il suo Pro Piacenza. All’inizio dell’anno li si è dati per spacciati, schiacciati dal fardello di otto punti di penalizzazione, ma il campo ha ancora una volta dato loro ragione.
Quello del tecnico di Vernasca è un calcio semplice, essenziale, che bada al sodo. Difesa, tecnica e contropiede. Un mix che spesso si è rivelato vincente anche in categorie superiori. Una squadra, la sua, fatta al risparmio, le cui pedine sono state scelte con grande oculatezza. Qualche flop, come Torri e Aliboni, ma soprattutto tante scommesse vinte con i vari Barba, Bini, Alfonso, Alessandro, Porcino ma si potrebbe proseguire ancora. Il tutto amalgamato da un veterano come Luca Matteassi, capitano, trascinatore e giocatore dal talento cristallino. Insomma, un piccolo miracolo che se l’anno scorso, quando i rossoneri vinsero la serie D, fu degno di nota, quest’anno viste le ristrettezze economiche e la penalizzazione rasenta l’incredibile.

Un capolavoro sul quale mettono la firma anche il ds Francani e la compagine dirigenziale rossonera, che ha avuto l’indiscusso merito di resistere alla tentazione, nei momenti bui, di epurare i giocatori che erano meno in forma o a quella assai in voga di esonerare l’allenatore. D’altronde un solo tecnico in cinque anni - che resiste dai tempi del Bettola Ponte che divenne Atletico BP e poi Pro Piacenza - è segno che la programmazione si può fare anche in queste categorie e che la pazienza è una delle qualità più importanti quando si intraprende un progetto. Franzini ha potuto lavorare tranquillo, è stato protetto quando le cose andavano male, e alla fine ha portato in porto la sua barca esattamente come ha fatto quando l’ha condotta al trionfo in Promozione, Eccellenza, Serie D. Ora nel suo palmares c’è anche una salvezza in Lega Pro e la dirigenza se la gode, perché ha voluto credere fino in fondo negli uomini sui quali aveva puntato, Franzini in primis, senza metterli in discussione al minimo passo falso. Adesso per il Pro Piacenza si presenta di fronte un bivio: proseguire il progetto o meno. Nessuno della società si è finora espresso in un senso o nell’altro. Ma a prescindere da quello che sarà, questo Pro è e rimane l’esempio più nitido di come si può fare calcio raggiungendo risultati.
Marcello Astorri

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento