Questo sito contribuisce all'audience di

Pro Piacenza - Francesco Bini: «Stiamo crescendo»

La difesa del Pro Piacenza la guida lui, con la fascia di capitano intorno al braccio. Francesco Bini, uno dei pochi superstiti della strepitosa salvezza dell’anno scorso, da quest’anno si è ritrovato ad essere uno degli uomini guida dei rossoneri...

Francesco Bini, capitano del Pro
La difesa del Pro Piacenza la guida lui, con la fascia di capitano intorno al braccio. Francesco Bini, uno dei pochi superstiti della strepitosa salvezza dell’anno scorso, da quest’anno si è ritrovato ad essere uno degli uomini guida dei rossoneri, che quest’anno sono stati affidati alla guida tecnica di William Viali.
La stagione, di certo, non ha riservato un avvio facile al Pro, che si è da subito dovuto misurare con compagini ambiziose come Padova e Reggiana. Domenica scorsa, contro il Cittadella, Bini e compagni hanno sfiorato il colpaccio esterno, venendo poi fermati su un pareggio che, a conti fatti, va pure un po’ stretto ai rossoneri. Sabato sera (20.30), contro il Giana Erminio, un’altra partita complicata nella quale i piacentini proveranno ad agguantare il primo successo stagionale. «Stiamo preparando la sfida al Giana con molta attenzione - ci racconta il capitano del Pro Piacenza - perché affronteremo un avversario imprevedibile e che non dà riferimenti».

Questo Pro Piacenza ha iniziato la sua stagione con tre pareggi e una sconfitta. Avrebbe meritato qualche punto in più?
«Due punti in più potevano starci domenica, non nelle altre gare dove i risultati hanno rispecchiato quanto visto in campo. Il Padova, che ci ha battuti, ha dimostrato di avere qualcosa in più di noi.
Mentre col Cittadella abbiamo raggiunto il livello di gioco che volevamo, anche in termini di approccio alla partita. Il primo tempo, soprattutto, abbiamo fatto molto bene, ma anche nella ripresa ce la siamo giocata fino in fondo».

Il calendario del Pro non è stato certo benevolo per questa prima parte della stagione.
«C’è chi dice che non conta. Io invece la penso diversamente. E’ vero che, prima o poi, le squadre le devi affrontare tutte, ma nell’ambito di un campionato così difficile avere un avvio complicato può tagliare le gambe a chiunque. A volte, iniziare bene l’annata, può infondere fiducia ed entusiasmo a tutto l’ambiente. Devo dire, dal nostro punto di vista, che nonostante il calendario siamo riusciti a migliorarci partita dopo partita, arrivando poi all’ottima prestazione di domenica scorsa».

In cosa deve migliorare il Pro Piacenza?
«Dobbiamo migliorare nella lettura della partita. Contro il Cittadella, ad esempio, nonostante la loro fosse una squadra importante, abbiamo fatto meglio noi. Poi è logico che non si può pretendere di giocare tutti i 90 minuti con la stessa intensità. Nei momenti difficili, dobbiamo imparare a rallentare il gioco e a mantenere la calma».

La prossima giornata di campionato incontrerete il Giana Erminio. Che partita vi aspetta?
«La stiamo preparando in questa settimana. La loro squadra gioca con due moduli differenti: il 4-4-2 e il 4-3-3. Questo non ci dà punti di riferimento e rende imprevedibili i nostri avversari. Noi, dal canto nostro, dovremo essere bravi ad adattarci senza comportarci come soldatini».

Come si trova Francesco Bini?
«Sono contento, ho iniziato con la stessa voglia dell’anno scorso. In più, avendo adesso la fascia da capitano al braccio, mi sto davvero divertendo».

Quali sono, tra i nuovi, i giocatori che l’hanno impressionata di più?
«Carrus e Cristofoli. Il primo, quando ha spazio, diventa veramente un giocatore determinante. Il secondo, invece, è un animale d’area che sta crescendo partita dopo partita».

Marcello Astorri

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calcio Dilettanti - Si va verso lo stop definitivo per Eccellenza, Promozione, Prima, Seconda e Terza Categoria

  • Riparte il calcio giovanile professionistico: via al campionato Primavera, consentite le amichevoli fino all'Under 15

  • Nuovo Dpcm: lo sport è ancora bloccato. Piscine e palestre chiuse fino al 5 marzo, dilettanti e giovanili sempre fermi

  • Juventus U23-Piacenza 1-1: ancora un pari, Libertazzi miracoloso nel finale

  • Nuova mazzata sullo sport: chi ha il Covid deve stare fermo almeno due mesi

  • Piacenza - Serve chiarezza sul calciomercato: chi lo fa? Arriva il giovane Paolo Cannistrà

Torna su
SportPiacenza è in caricamento