menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Pro Piacenza: brillano Cavalli e Pesenti. Pagelle - 1

Pro Piacenza: brillano Cavalli e Pesenti. Pagelle - 1

Pro Piacenza: brillano Cavalli e Pesenti. Pagelle

Quarto risultato utile consecutivo per il Pro Piacenza che esce da un periodo propizio con dieci punti in quattro gare e la consapevolezza di aver imparato a vincere le partite che servono per salvarsi; non quelle contro Alessandria e Cremonese...

Quarto risultato utile consecutivo per il Pro Piacenza che esce da un periodo propizio con dieci punti in quattro gare e la consapevolezza di aver imparato a vincere le partite che servono per salvarsi; non quelle contro Alessandria e Cremonese, piuttosto quelle contro Lupa Roma e Racing, dirette rivali per la corsa alla salvezza.
I rossoneri salgono a quota 16 punti in classifica e ora possono respirare con più tranquillità. Nella vittoria contro la Racing spiccano le prove di Cavalli e Pesenti, l’unica insufficienza è per Aspas: un paio di errori grossolani potevano costare caro.
«La classifica non dobbiamo nemmeno guardarla - ha detto Fulvio Pea al termine della gara -, credo che il passaggio al 3-5-2 sia stato decisivo per noi, ora siamo più compatti e i risultati sono lì a testimoniarlo. Nel primo tempo abbiamo commesso qualche errore, in altri tempi saremmo stati castigati, ma le possiamo anche perdonare ad Aspas perché è un giocatore che molto di rado mette in fila un paio di errori».
«E’ stato un gol semplice ma ci voleva per il morale - ha invece detto Daniele Bazzoffia - ho fatto molti sacrifici in queste giornate e, per un attaccante, il gol è sempre il miglior modo di essere ripagati. La vittoria con la Viterbese per certi versi è stata decisiva nello svoltare - prosegue - da lì è arrivato l’input che ha giovato al morale e di conseguenza sono arrivati i risultati. Abbiamo un solo grosso rammarico, cioè l’occasione gettata al vento contro il Prato».

Le pagelle di Giacomo Spotti

Fumagalli 6: voto d’ufficio perché nella realtà dei fatti non si sporca nemmeno i guanti ma l’ordinaria amministrazione la svolge senza alcun problema.

Sall 6: giornata relativamente facile, la Racing Roma davanti è davvero poca roba.

Aspas 5: il voto sarebbe decisamente peggiore se non fosse che, alla fine, è arrivata la vittoria. Nel primo tempo perde una palla che sanguina a centrocampo e viene graziato dall’egoismo degli avversari. Poco dopo ne perde un’altra in area, graziato anche lì. La sua giornataccia poteva costare cara.

Bini 6: leggermente impreciso, stranamente, ma per il resto sempre sicuro e mai una volta in difficoltà. Come per Sall non diamo mezzo punto in più perché gli avversari davanti sono stati davvero evanescenti. Dal 36’ st Calandra: SV.

Cardin 6.5: ordinato e preciso, puntuale e pericoloso. Bella partita, senza strafare, c’è sempre quando conta e propizia la prima rete mentre in avvio imbecca di testa Rossini che spreca.

Rossini 6: non gioca un gran partita, cerca di unire i reparti ma c’è poca fantasia nelle sue giocate. Si riscatta perché ha il merito di trovarsi al posto giusto quando firma il secondo gol.

Cavalli 7: gran partita in regia, estremamente ordinato nel dirigere il traffico e ispirato come in avvio quando offre a Bazzoffia un cioccolatino da scartare (e che spreca).

Pugliese 6.5: si vede poco ma si sente molto nell’economia del gioco. Cuore, polmoni e intensità sono le sue caratteristiche, e lui ce le mette tutte e tre.

Sane 6: dirompente quando si tratta di giocare col fisico, ancora troppo impreciso invece quando occorre crossare o servire un compagno con una giocata più difficile dell’ordinario.

Bazzoffia 6: merita la sufficienza perché firma la terza rete altrimenti sarebbe un 5.5. Spreca una bella occasione in avvio e toglie involontariamente dalla porta il raddoppio di Pesenti. Si vede poco in generale. Dal 26’ st Musetti: SV.

Pesenti 7: il migliore. Nel primo tempo ha un solo pallone e ne trae il massimo: ci costruisce su il rigore e lo realizza. Nella ripresa quasi firma la doppietta (Bazzoffia insacca da due passi) ma nelle sue giocate c’è sempre qualità e intelligenza. Ritrovato lui il Pro Piacenza ha trovato le vittorie: sarà un caso? Dal 33’ st Ferrara: SV.


Pea 7: bravissimo a non perdere la barra nel momento peggiore, ha puntato su una formazione e ora sta raccogliendo i giusti frutti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento