menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Fotoservizio Maurizio Spreafico-40

Fotoservizio Maurizio Spreafico-40

Pro Piacenza-Alessandria: 0-4, crollo dei rossoneri

Troppo brutto per essere vero. C’è ben poco da dire sul pomeriggio del Pro Piacenza che affonda sotto i colpi di un’Alessandria sbarcato al Garilli con il coltello tra i denti. Pare di rivivere la serata di sabato scorso a Gorgonzola ma questa...

Troppo brutto per essere vero. C’è ben poco da dire sul pomeriggio del Pro Piacenza che affonda sotto i colpi di un’Alessandria sbarcato al Garilli con il coltello tra i denti. Pare di rivivere la serata di sabato scorso a Gorgonzola ma questa volta le parti sono invertite: già dai primi minuti la sensazione è che l’atteggiamento dei rossoneri non sia quello giusto. Gli uomini di Gregucci in campo fanno letteralmente impazzire la difesa del Pro che prima vacilla sull’iniziativa di Boniperti (nipote del presidente onorario della Juventus Giampiero) e poi cede sotto il colpo di testa di Bocalon. E’ solo l’inizio di un black out che allo scadere del primo tempo vede gli ospiti prima raddoppiare e poi calare il tris. Sarebbe servita una notte come quella di Istanbul per ribaltare il risultato nella ripresa: arrivano invece il rosso per Bini e il poker di Bocalon. Dopo la rete che spegne le residue speranze rossonere la partita va in archivio nonostante Marras sembri desideroso di colpire ancora. Al Garilli finisce 0-4: una brutta battuta d’arresto dopo quanto di buono si era visto contro la Giana Erminio.

FORMAZIONI – Squadra che vince non si cambia o quasi. Dopo la fortunata trasferta della scorsa settimana Viali ritrova nell’undici iniziale Aspas. In porta va Fumagalli, difesa titolare con Ruffini, Piana Bini e Rieti. A centrocampo Maietti, Carrus, Aspas e l’ex della partita Rantier. In avanti Alessandro e Cristofoli. L’Alessandria di Parlato, falcidiato da numerose assenze (spiccano Iunco, Loviso e Fischnaller), risponde con Nordi tra i pali, difesa con Celjak, Morero, Sosa e Sabato. Terzetto di centrocampo con Nicco, Mezavilla e Branca. In avanti a supporto di Bocalon ci sono Marras e Boniperti.

PARTENZA A RILENTO – L’Alessandria non segna fuori casa dalla seconda giornata ma nel pomeriggio del Garilli nei minuti iniziali prova a fare la partita. Al terzo minuto ci prova Mezavilla con una conclusione che si spegne fuori poi un cross di Marras attraversa pericolosamente tutta l’area prima di finire in corner. A soffrire è soprattutto Ruffini che fatica a contrastare le folate dell’esterno Marras, piuttosto rapido ed imprevedibile. Al sedicesimo Sabato costringe Fumagalli al non facile intervento con i pugni con il conto dei corner che tocca quota sette per gli ospiti.

TRACOLLO – Il Pro si affaccia dalle parti di Nordi solo al ventiduesimo quando Carrus apre bene per Aspas che la piazza in mezzo: la difesa spazza. I grigio-neri però sono decisamente più in palla: prima Boniperti si divora un gol fatto davanti a Fumagalli sparando alle stelle poi Bocalon infila i rossoneri con un colpo di testa. Al minuto 33 il Pro prova a scrollarsi di dosso il torpore: Alessandro crossa per Cristofoli che all’altezza del dischetto del rigore non riesce ad addomesticare il pallone. Il finale della prima frazione è però decisamente amaro per gli uomini di Viali: con due azioni fotocopia prima Nicco e poi Bocalon servono due palloni d’oro che Boniperti deve solo spingere dentro. All’intervallo l’Alessandria è avanti per tre a zero.

PRO IN DIECI – Passano due minuti nella ripresa e una situazione difficile diventa decisamente insormontabile per i rossoneri: Bini fa fallo, l’arbitro sventola il secondo giallo davanti al centrale e il Pro resta in dieci uomini. L’Alessandria prova allora ad affondare il colpo: Bocalon vede e serve l’accorrente Branca che calcia sopra la traversa dal limite dell’area. Dall’altra parte è Maietti che scalda i guantoni di Nordi con un tentativo dalla distanza. Al quarto d’ora Viali mette mano alla panchina inserendo Sall per Rieti ma gli ospiti insistono: arriva al tiro anche Celjak che trova i pugni di Fumagalli. E’ solo l’antipasto di una portata piuttosto indigesta per il Pro: Marras conduce un’azione sulla sinistra, il pallone arriva a Bocalon che mette a sedere Fumagalli e mette nel sacco. C’è poco altro da dire su una partita mai veramente iniziata per il Pro: finisce 0-4 per l’Alessandria.
Nicolò Premoli

PRO PIACENZA-ALESSANDRIA 0-4
(primo tempo 0-3)


PRO PIACENZA: Fumagalli, Rieti (61’ Sall), Ruffini, Aspas, Piana, Bini, Rantier, Carrus (76’ Russo), Cristofoli (83’ Schiavini), Alessandro, Maietti. A disposizione: Bertozzi, Cauz, Calandra, Martinez, Bignotti. All.: Viali
ALESSANDRIA: Nordi, Celjak, Sabato, Mezavilla, Morero, Sosa, Boniperti, Nicco (83’ Cittadino), Bocalon (85’ Principe), Branca (64’ Vitofrancesco), Marras. A disposizione: Vannucchi, Sirri, Terigi, Picone. All.: Gregucci.
ARBITRO: Sassoli di Arezzo (assistenti: Pancioni di Arezzo e Pacifico di Taranto)

RETI: 25’, 71’ Bocalon, 42’, 44’ Boniperti,
NOTE - AMMONITI: Rieti, Piana (PP); ESPULSO: Bini (PP) ANGOLI: 7-2 per l’Alessandria; RECUPERO: 4’ st; SPETTATORI: circa 850

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento