Questo sito contribuisce all'audience di

Matteassi tiene in vita il Pro Piacenza, 1-0 a L'Aquila

Torna a splendere il sereno sul Pro, un sereno che fino al novantesimo sembrava minacciato da un temporale estivo proveniente direttamente da Reggio Emilia. Al fischio finale infatti il San Marino era avanti per 2-1 al Giglio ma negli ultimi...

Matteassi tiene in vita il Pro Piacenza, 1-0 a L'Aquila - 1
Torna a splendere il sereno sul Pro, un sereno che fino al novantesimo sembrava minacciato da un temporale estivo proveniente direttamente da Reggio Emilia. Al fischio finale infatti il San Marino era avanti per 2-1 al Giglio ma negli ultimi minuti al Garilli arrivano le voci della clamorosa rimonta dei padroni di casa che ribaltano il risultato fissando il finale sul 3-2. Voci liete per Franzini, il gol di Matteassi vale quindi doppio: arrivano infatti tre punti dopo una striscia di sette partite senza vittorie che, complice la sconfitta del San Marino, portano a tre lunghezze il vantaggio sull’ultima piazza (leggi qui risultati e classifica).
Il Pro parte timido mentre un pesante acquazzone si abbatte sul campo. Passano i minuti, i rossoneri provano ad impostare qualche trama offensiva più convincente ma Speziale spreca la palla più ghiotta del primo tempo. Nella ripresa la musica cambia: a salire in cattedra sono i padroni di casa che con il passare dei minuti guadagnano metri e convinzione. Alessandro sbatte due volte contro Zandrini, Barba e Bacher ci provano dalla distanza ma è Matteassi a mettere il pallone in fondo al sacco. 1-0 come all’andata e pratica archiviata. Ora l’imperativo è trovare continuità per lo sprint finale.

FORMAZIONI – Dopo la battuta di arresto nell’anticipo di venerdì scorso contro il Pontedera, il Pro ospita L’Aquila, formazione in striscia negativa da due giornate. Franzini ritrova il portiere titolare e Castellana sulla fascia destra ma deve rinunciare a Silva, squalificato. A scendere in campo è il consueto 4-3-3. Davanti ad Alfonso, linea difensiva con Castellana, Sall, Bini e Sane. A centrocampo agiscono Schiavini, Bacher e Barba mentre dietro all’ormai collaudata coppia Alessandro-Speziale c’è la qualità di capitan Matteassi.
Mister Zavattieri risponde con Zandrini tra i pali, linea a quattro con Scrugli, Pomante, Carini e Gotti. Davanti alla difesa De Francesco e Del Pinto con il terzetto Corapi, Sandomenico e Pacilli a supporto della punta centrale Perna.

PIOVE SULLA NOIA – Se nel riscaldamento era iniziata a scendere una lieve pioggerella, con il passare dei minuti i rovesci aumentano di intensità rendendo scivoloso il terreno di gioco. Nei primi scampoli di gara le squadre provano ad delineare qualche trama offensiva ma a predominare sono gli errori in fase di impostazione. Quando sono dieci i minuti sul cronometro dell’arbitro arriva il primo brivido in casa Pro: dormita di Sall, Corapi serve Perna che si trova davanti ad Alfonso. Il centrocampista riesce a saltare il portiere ma trova Sall che riesce a spazzare la minaccia. Dall’altra parte è Alessandro che prova ad accendere la luce: bell’azione corale con Matteassi che crossa alla ricerca dell’ex Grosseto; l’attaccante calcia dal vertice sinistro dell’area piccola ma trova solo l’esterno della rete.

VANTAGGIO SFIORATO – Passano i minuti ma la partita sembra proprio non voler decollare. Il Pro prova qualche accelerazione con Barba e con una conclusione da fuori area di Schiavini che costringe Zandrini al corner. E’ proprio dopo il corner che si sviluppa l’azione più pericolosa per i rossoneri: Alessandro mette in mezzo dalla sinistra, Zandrini esce a vuoto ma Speziale, preso in controtempo, non riesce a trovare l’inzuccata a porta sguarnita. Nel frattempo da Reggio Emilia arrivano notizie poco confortanti: il San Marino passa in vantaggio con Musetti.
Al Garilli nel frattempo la partita resta piuttosto nervosa: lo spettacolo è poco così come le azioni importanti. Ci prova Bacher da fuori ma Zandrini risponde con i pugni. L’arbitro non concede recupero e manda i giocatori al riposo sul punteggio di parità.

FIAMMATE – La ripresa prende avvio senza cambi ma con la pioggia che concede tregua ai ventidue in campo. In avvio Perna si fa vedere dalle parti di Zandrini ma la conclusione sfila sul fondo. Il Pro tenta a sua a volta qualche sortita offensiva con Alessandro e Speziale non impensierendo però il numero uno ospite. Al decimo minuto arriva un altro squillo che porta la firma di Alessandro: l’attaccante va via alla difesa e si presenta davanti a Zandrini sparando però sul corpo del portiere. Dal corner successivo arriva un’altra grande occasione: la battuta del solito Alessandro infatti trova la testa di Sall che però manda alle stelle. Quando i minuti sono quindici ci prova anche Barba che entra in area approfittando della sponda di Sane non trovando però la porta. Il giovane di scuola Atalanta ci riprova dopo due minuti con una bomba da fuori area disinnescata in due tempi da Zandrini.

PRO IN VANTAGGIO – Al ventunesimo minuto sembra di rivivere la stessa azione di qualche minuto prima. Bacher lancia Alessandro che ancora una volta beffa la difesa abruzzese: conclusione a botta sicura ma Zandrini si ritrova il pallone tra le gambe salvando nuovamente il risultato.
Al venticinquesimo però arriva il gol tanto inseguito dai rossoneri. Barba penetra in area, calcia su Zandrini che però non trattiene. Il pallone finisce ad Alessandro che passa a Matteassi: il capitano riesce a trovare il gol del vantaggio. Un vantaggio che potrebbe valere oro se non fosse per il raddoppio del San Marino sul campo della Reggiana.
L’Aquila prova ad abbozzare una reazione nei minuti finali: Zavattieri si gioca anche la carta Virdis per ravvivare un attacco piuttosto abulico ma la reazione non arriva. Il fischio finale è liberatorio ma sono le voci proveniente da Reggio che si inseguono sulla tribuna a scatenare la gioia della truppa di Franzini: il San Marino ha perso, l’ultimo posto è ora distante tre punti.
Nicolò Premoli

PRO PIACENZA-L’AQUILA 1-0
Primo tempo 0-0

PRO PIACENZA: Alfonso, Castellana, Sane, Sall, Bacher, Bini, Matteassi, Schiavini (86’ Marmiroli), Speziale (56’ Caboni), Alessandro, Barba. A disposizione: Iali, Mascolo, Petrini, Mella, Giovio. All.: Franzini
L’AQUILA: Zandrini, Scrugli, Gotti, De Francesco (63’ Perpetuini), Pomante, Carini, Pacilli, Del Pinto (80’ Virdis), Perna, Corapi, Sandomenico (70’ Pozzebon). A disposizione: Lacchioli, Karkalis, Gizzi, Di Lollo. All.: Zavattieri
ARBITRO: Illuzzi di Molfetta (assistenti: Evoli di Bologna e Macaddino di Rimini)
RETE: 72’ Matteassi
NOTE - AMMONITI: Bini, Sall, Caboni (PP), Del Pinto, Pacilli (A); ANGOLI: 8-7 per il Pro; RECUPERO: 3’ st SPETTATORI: circa 600

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spadafora: «Abolito il vincolo sportivo per giovanili e dilettanti». Sibilia: «Si minaccia l'esistenza del calcio»

  • Per gli Interprovinciali confermato il programma attuale, i Provinciali dovrebbero terminare la fase locale prima di Pasqua

  • La Ministra De Micheli: «A scuola turni dalle 8 alle 20, sui banchi anche la domenica». Salta tutta l'organizzazione dello sport?

  • Giana Erminio-Piacenza: 2-0, terza sconfitta consecutiva per i biancorossi

  • Piacenza - Per Simonetti, Pedone, Galazzi e Ghisleni è una partita da dimenticare. Le pagelle

  • Piacenza, così si fa davvero dura: altro pomeriggio bruttissimo. La Giana Erminio vince 2-0

Torna su
SportPiacenza è in caricamento