menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Fulvio Pea con il presidente Alberto Burzoni-2

Fulvio Pea con il presidente Alberto Burzoni-2

Fulvio Pea: «Qualcuno non guarda in faccia la realtà»

Ritrovare il gol per ritrovare la vittoria. E’ questo l’unico e solo pensiero in casa a Pro Piacenza a meno di 48 ore dalla sfida di domenica al Garilli contro la Viterbese; e non sarà facile. I piacentini non segnano una rete in campionato da...

Ritrovare il gol per ritrovare la vittoria. E’ questo l’unico e solo pensiero in casa a Pro Piacenza a meno di 48 ore dalla sfida di domenica al Garilli contro la Viterbese; e non sarà facile. I piacentini non segnano una rete in campionato da oltre un mese in cui hanno raccolto solamente i tre punti contro il Pontedera (rigore di Cassani), per il resto tutte sconfitte di misura (cinque per 1 a 0). Come se non bastasse, a rendere ancora più complicato il momento, è arrivata la pesante doccia fredda in Coppa Italia contro la Giana Erminio che mercoledì ha spazzato via i piacentini con quattro reti.
E’ quindi un momento difficile per Fulvio Pea, il tecnico ha incassato la fiducia piena fino a fine stagione dal presidente Alberto Burzoni che ha tenuto a rapporto la squadra (leggi qui) ma perde Lorenzo Marchionni: per lui crociato del ginocchio destro rotto e stagione praticamente chiusa qui.

BORDATA - Lo dice con grande calma e senza alzare i toni, tuttavia il pensiero di Fulvio Pea sul suo possibile esonero e sulla fiducia piena concessa dal presidente è piuttosto chiaro e non risparmia una bordata: «Il presidente è un nobile come persona - dice Pea - ha le idee ben chiare su cosa fare ed è un uomo di parola. Sto mettendo tutto me stesso per invertire la rotta e il presidente apprezza; mentre qualcun altro apprezza un po’ meno perché è difficile a volte guardare in faccia alla realtà ed è più facile affidarsi ad altre prospettive più incantevoli». Ma con chi ce l’ha Pea? Il destinatario è il ds Riccardo Francani, che in estate a più riprese aveva provato a portare Javorcic sulla panchina salvo poi piegarsi al volere presidenziale?

ATTEGGIAMENTO - «Contro la Viterbese spero di fare tre punti per la classifica, che inizia a farsi difficile, piuttosto che per l’ambiente - prosegue Pea - perché quello è già sereno, nel senso che i ragazzi lavorano bene lungo la settimana e anche in partita cercano di dare il meglio, a volte ci riusciamo a volte no, ma la volontà, con tutti i nostri limiti, ce la mettiamo sempre. Contro la Viterbese proveremo a vincere, molto starà nell’atteggiamento, dobbiamo cercare di essere più audaci». Pro Piacenza che potrebbe proporre qualcosa di nuovo domenica? Qui Pea non si sbottona: «Cambiare può togliere delle certezze, altre volte può aumentare l’autostima: vedremo cosa fare. Il problema ora è più che altro mentale, né tecnico né fisico, ma con buona volontà e spirito di squadra secondo me ne possiamo uscire in breve tempo». Con Rossini potrebbe presentare una formazione a trazione anteriore (4-3-3 o 4-3-1-2), con Piana - al posto di Rossini - ci sarebbe invece un ritorno al 3-5-2.

Probabile formazione Pro Piacenza - Fumagalli; Sanè, Bini, Sall, Cardin; Gomis, Cavalli, Aspas; Rossini; Bazzoffia, Pesenti. Squalificati: nessuno. Indisponibili: Marchionni, Girasole, Negro.
Leggi qui il programma della 10a giornata di Lega Pro A e la classifica aggiornata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento