Questo sito contribuisce all'audience di

Bini: «I giovani del Pro Piacenza faranno la differenza»

Il Pro Piacenza di Arnaldo Franzini, grazie alla bella vittoria di Grosseto, ha decisamente iniziato con il piede giusto la sua avventura nei professionisti. Adesso sotto con il Forlì, compagine forte e ambiziosa che farà visita ai rossoneri...

Francesco Bini in azione (foto Spreafico-Galli)
Il Pro Piacenza di Arnaldo Franzini, grazie alla bella vittoria di Grosseto, ha decisamente iniziato con il piede giusto la sua avventura nei professionisti. Adesso sotto con il Forlì, compagine forte e ambiziosa che farà visita ai rossoneri domenica (ore 14.30) al Garilli. Noi di Sportpiacenza.it siamo andati a chiedere a uno dei giocatori più positivi dell'ultima partita del Pro, Francesco Bini, come stanno i rossoneri e come vivono la vigilia della prima partita casalinga di campionato.

A Grosseto siete partiti con il piede giusto, incamerando i vostri primi tre punti. Qual è stato il segreto dopo le prime uscite di Coppa in chiaroscuro?
«Siamo andati a Grosseto con tante incognite, perché non ci conoscevamo, e non ci conosciamo, ancora totalmente. In Coppa, è vero, abbiamo subito due sconfitte, ma ero convinto che mancasse solo un po' di malizia in più per arrivare al risultato. Nella partita di domenica scorsa, quel poco di malizia ce l' abbiamo messa e di conseguenza abbiamo portato a casa i tre punti. Siamo stati bravi a passare in vantaggio sfruttando un loro errore, poi siamo stati compatti, ci siamo dati una mano l'un l'altro, commettendo anche qualche fallo quando andava fatto e ne abbiamo raccolto i frutti»

A livello personale, è soddisfatto del suo esordio in campionato?
«Sono soddisfatto soprattutto perché a inizio campionato, di solito, ci metto un po' più degli altri a entrare in forma e, invece, mi sento già bene. Domenica ho finito la gara senza crampi e, a livello difensivo, abbiamo fatto una buona prestazione. È positivo anche che con i compagni di reparto ci si intenda: sia con Silva che con Rieti mi sono trovato molto bene finora»

Domenica, per la seconda di campionato, vi aspetta il Forlì. Che partita sarà?
«Totalmente diversa. Davanti sono una squadra molto forte e hanno un centrocampo d'altra categoria. Sono sicuro che ci attaccheranno e ci faranno giocare poco da dietro, quindi dovremo essere bravi a velocizzarci nella circolazione di palla».

A livello di condizione generale, com'è messo il Pro Piacenza?
«Siamo tutti abili e arruolabili. Se il mister decidesse di fare qualche cambio, tutti i componenti della rosa risponderanno presente. Non so come andrà, perché l'avversario è forte, ma di sicuro la prestazione da parte nostra ci sarà»

Questo Pro ha bisogno di rinforzi?
«Tutti dicono che ci manchi qualcosa davanti. Secondo me invece no, anzi, verranno fuori anche quelli che hanno giocato poco fino a questo momento. Abbiamo una panchina molto giovane, però sono tutti giocatori di qualità. In loro, forse, manca qualcosa a livello di esperienza o di atteggiamento, ma sono tutti concetti che vanno assimilati e bisogna lasciare loro il tempo farlo. Ricordiamo che per molti è la prima esperienza tra i "pro". Sono convinto che, se avremo la pazienza di aspettarli, i nostri giovani faranno grandi cose»

Finora, quali sono i compagni che ti hanno impressionato maggiormente in positivo?
«Sicuramente Castellana, perché ha debuttato senza alcuna paura e ha giocato un'ottima gara pur essendo molto giovane. Poi come non nominare Matteassi, un giocatore che nonostante l' età corre ancora più di tutti; per non parlare della sua grande maturità e qualità che gli permettono di disimpegnarsi bene in tutti i ruoli».
Marcello Astorri

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dilettanti - Eccellenza, Promozione e Prima: stop alle Coppe. Seconda e Terza: la stagione sarà completa

  • Terminate le videoconferenze con le società di calcio dilettantistico: fino al 3 dicembre impossibile prendere decisioni

  • Un Piacenza decimato dal Covid ha ripreso gli allenamenti, difficile che venga rinviata la gara con la Giana Erminio

  • Il Bertocchi diventa un campo all'inglese: erba artificiale, tribuna ampliata e coperta

  • Miozzo (Cts): «Palestre, piscine e centri sportivi non riapriranno per Natale»

  • Piacenza, cinque nuovi positivi. Il dg Scianò: «Situazione difficile, ci prendiamo 48-72 ore prima di decidere»

Torna su
SportPiacenza è in caricamento