rotate-mobile
Eccellenza

Mantelli ringrazia Russolillo, Compiani e Cozzi

Russolillo, Compiani e Cozzi. Sono i tre rossoneri che Alberto Mantelli ringrazia nel dopopartita. I primi due negli ultimi mesi non hanno visto quasi mai il campo, il terzo ha spesso faticato quando è stato chiamato in causa per sostituire...

Russolillo, Compiani e Cozzi. Sono i tre rossoneri che Alberto Mantelli ringrazia nel dopopartita. I primi due negli ultimi mesi non hanno visto quasi mai il campo, il terzo ha spesso faticato quando è stato chiamato in causa per sostituire l’insostituibile Luca Franchi. Ma è stato anche grazie a loro prezioso contributo se il Fiorenzuola è riuscito a mettersi alle spalle la crisi (soprattutto di risultati) che a Rubiera aveva raggiunto il suo apice.
“Tutti i ragazzi sono stati splendidi – attacca il tecnico rossonero - ma per un volta faccio uno strappo alla regola che mi sono dato di non parlare mai dei singoli: e lo faccio per sottolineare la grande partita giocata da Russolillo, Compiani e Cozzi. Pur trovando poco spazio (soprattutto i primi due, ndr), quando sono stati chiamati in causa si sono fatti trovare pronti. Con il Monticelli ho avuto la conferma della grandezza del gruppo che alleno”.
Il palo iniziale colto da Roma avrebbe potuto cambiare le sorti della partita, ma dopo quell’episodio in campo si è visto solo il Fiorenzuola.
“Nelle ultime domeniche gli episodi ci avevano spesso detto male, con il Monticelli abbiamo rischiato grosso all’inizio, ma poi abbiamo preso in mano la partita, abbiamo segnato due gol e anche nel secondo tempo abbiamo controllato bene la loro reazione”.
Sabato arriva la Lupa Piacenza e tutti si chiedono se c’è qualche possibilità di vedere in campo Luca Franchi.
“La vedo molto dura, non si allena da un mese. Parlerò con lui e decideremo insieme”.
Roberto Cozzi ha conquistato il rigore poi trasformato da Cerati: “Il tocco c’è stato, il rigore è sacrosanto. Ma sono contento soprattutto per la nostra vittoria: venivamo da un periodo difficile e avevamo un gran bisogno di trovare un po’ di fiducia”.
E ora sotto con la Lupa Piacenza.
“La Lupa Piacenza? Non la conosco”….scherza e saluta l’attaccante rossonero.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mantelli ringrazia Russolillo, Compiani e Cozzi

SportPiacenza è in caricamento