Questo sito contribuisce all'audience di

Eccellenza - Rossetti: «Vogliamo battere il Castelvetro»

«Qual è l’obiettivo del Carpaneto? Vincere tutte le partite da qui alla fine». Parla a ruota libera il presidente della Vigor, Giuseppe Rossetti, alla vigilia del big match di domenica contro la capolista Castelvetro. «Sarà una partita aperta a...

Giuseppe Rossetti, presidente della Vigor Carpaneto
«Qual è l’obiettivo del Carpaneto? Vincere tutte le partite da qui alla fine». Parla a ruota libera il presidente della Vigor, Giuseppe Rossetti, alla vigilia del big match di domenica contro la capolista Castelvetro. «Sarà una partita aperta a qualsiasi risultato, nella quale si affronteranno i due migliori attacchi del campionato», afferma il numero uno biancazzurro, che da questo finale di stagione è intenzionato a trarre il massimo delle soddisfazioni. «Quest’anno abbiamo fatto degli sbagli, ma non dobbiamo fare altro che prenderne atto per crescere». Una Vigor Carpaneto che guarda avanti con entusiasmo, quindi, e che non ha nessuna intenzione di indietreggiare di un centimetro in questo finale di stagione.

Presidente, partiamo proprio dall’ordine del giorno: domenica farà visita a Carpaneto la capolista Castelvetro. Che partita si aspetta?
«Sarà un confronto molto aperto. Spero che i ragazzi non abbiano subito alcun contraccolpo psicologico dopo la sconfitta contro la Casalgrandese. Da loro mi aspetto una reazione, perciò so che affronteranno la partita per conquistare i tre punti. Abbiamo ormai perso tutte le speranze di agganciare il secondo posto, ma la matematica ancora non ci condanna».

Cosa teme di più del Castelvetro?
«E’ una squadra attrezzata in ogni reparto. Forse, l’unica zona del campo che ha qualche punto debole è la difesa, nonostante sia comunque di buon livello, mentre il grande punto di forza è l’attacco. Noi e loro siamo gli attacchi più prolifici del girone, per cui possiamo dire che sarà la sfida fra i due reparti avanzati più forti».

Dei nuovi, col Castelvetro non avrete Franchi a causa dell’espulsione di domenica scorsa.
«Luca, forse per la troppa voglia di giocare, domenica scorsa ha avuto una reazione non da lui. E’ un peccato, perché è un uomo spogliatoio e sentiremo la sua mancanza. L’ho voluto io a Carpaneto e questo episodio non intacca il nostro rapporto, mi auguro però che stia comunque vicino ai ragazzi».

Quali sono gli obiettivi della Vigor Carpaneto per il finale di stagione?
«Vogliamo vincere tutte le partite da qui alla fine. Come neopromossa abbiamo fatto tanto, anche se, non voglio nascondermi, mi aspettavo qualcosa in più. Si sono persi per strada troppi punti al 90’, ne avessimo qualcuno in più, con gli scontri diretti da giocare, saremmo qui a parlare di ben altri obiettivi da raggiungere. Quest’anno è andata così. Mentre nella passata stagione abbiamo vinto il campionato con la grande impresa di Brescello, in questa gli episodi ci sono girati tutti contro».

E per l’anno prossimo? Gli acquisti del mercato invernale sono stati fatti in ottica futura?
«Gli arrivi di Franchi e Minasola sono stati ponderati per l’anno prossimo, anche se nelle nostre intenzioni pensavamo di ottenere qualcosa in più già da quest’anno. Sono giocatori che non hanno bisogno di presentazioni. Dalle parole che ci siamo detti, la loro intenzione è quella di voler rimanere a Carpaneto».

E’ contento dei nuovi acquisti?
«Conoscevamo già tutti le qualità di Minasola e Franchi, che volevo già a inizio anno. Poi c’è Pessagno, un giovane classe ’93 con prospettive molto interessanti, e Giorgi, un giocatore che nonostante non sia ancora al 100% mi piace tantissimo. Ritengo non c’entri niente con questa categoria e credo rimarrà con noi, a meno che non riceva proposte dai professionisti».

Insomma, c’è grande ottimismo nelle sue parole.
«Sì, sono ottimista perché questo Carpaneto può dire di potersela giocare con tutte. Con qualche innesto mirato questa squadra potrà dire la sua la prossima stagione. Eravamo abituati a vincere, ma mi auguro che i tifosi del Carpaneto capiscano che non è mai facile né scontato in nessuna categoria.Come società abbiamo fatto degli sbagli, ma non possiamo far altro che prenderne atto per crescere».
Marcello Astorri
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dilettanti - Il nuovo Dpcm chiude Eccellenza, Promozione, Prima e Seconda Categoria da lunedì

  • Nuovo Dpcm, c'è l'incognita degli allenamenti nei Dilettanti. Nei professionisti tornano gli stadi chiusi

  • Calcio Dilettanti - Con il nuovo Dpcm allenamenti di squadra consentiti solo in forma individuale

  • Dilettanti - Tutti i risultati della domenica. Vigolo e Bobbiese: pari nel derby. Ziano e Gragnano in vetta

  • Calcio Dilettanti - La Lombardia chiude tutto e si ripartirà da gennaio. L'Emilia Romagna pensa alla stessa soluzione

  • Lecco-Piacenza 2-4: un super Corradi lancia i biancorossi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SportPiacenza è in caricamento